Recensione “Fuori dal Comune” di Davide Geddo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Recensioni
L’album di Davide Geddo “Fuori dal comune” si apre con una canzone da brividi che si chiama “Genova”, un’autentica perla di musica e poesia che sa far sognare.”Ti Voglio” è pezzo orecchiabile, molto radiofonico, e con un testo frizzante.”In ogni angolo della notte” ha un retrogusto jazz con una vocalità riflessiva e intensa, mentre  “Innocenza” è una canzone che ha un qualcosa di geniale che seppur nella sua semplicità colpisce per la sua profondità. Non mancano le ballate sognanti come “Il limite” e “1000 cose” che accompagnano l’ascoltatore verso un mondo di poesia e intensità. L’amara e coinvolgente “Marylin” sembra quasi essere divertente nel suo incedere tagliente. “Lo sguardo del cantautore”, con il featuring dell’ottimo Zibba, è dissacrante e ironica e che spezza e arricchisce il contenuto di questo album. “Meg” è dinamica, sarcastica e con un testo ricco di poesia intrecciata a una realtà che sa di fumo di un pub di periferia. “Oltre” e “Cuore” sono due canzoni d’amore o forse sono qualcosa di più. Quel che lasciano è un sapore, quasi un profumo, fragrante che completa degnamente un album ricco di poesia, musica, intensità e che quindi racchiude un senso ancora più sublime in un finale emozionante. Un bell’album. 

 

Recensione “Lo Specchio” di Francesca Romana

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Recensioni

L’album “Lo specchio” di Francesca Romana contiene pezzi pop melodici, alcuni dei quali particolarmente raffinati. Lo si denota sin dalla prima canzone “Il tuo nome e il veleno” in cui alcuni tratti del testo spiccano per originalità mentre altri si rifanno a una cultura melodica italiana più classica. “Giovanna la pazza” è particolarmente orecchiabile e in alcuni tratti avrebbe bisogno di maggior incisività per renderlo di qualità ancora superiore. “Canzone blu” è anch’essa molto appetibile all’orecchio. “Io e Biancaneve” è originale nella sua composizione e nella fusione tra un testo complesso all’apparenza e la melodia molto ariosa. “L’estranea” è una ballata lenta con una vocazione intimista e sussurrata, mentre “Il poeta”, pur essendo anch’essa una ballata, possiede un’architettura più raffinata del testo e dell’interpretazione. “Storia clandestina” sembra una favola raccontata nelle sere d’estate quando il sole è tramontato da poco. Ne “Il lago” si sente l’eco dell’influenza di Carmen Consoli con una struggente passionalità regalata all’ascoltatore. “Mad Maria” invece è particolare e affronta una tematica difficile e ricca di ostacoli, forse spingendosi ancora oltre colpirebbe in maniera più forte e decisa. Francesca Romana ha delle indubbie qualità canore e una grande capacità di intrecciare le parole per creare atmosfere avvolgenti. Con ancora più spregiudicatezza nei testi potrebbe creare testi in grado di fare ancor di più la differenza. Quello che si può dire dell’album “Lo Specchio” è che contiene molte canzoni interessanti, alcune molto orecchiabili, altre con un tono più poetico e altre con una struttura melodia e voce intrigante e che lo rende attraente. C’è molta sostanza e tecnica in questo disco e speriamo di riascoltare Francesca con altre canzoni.