#Labirinto #Ep8

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio

Nelle puntate precedenti:

Fabio, un ragazzino che soffre di una patologia dello sprettro autistico, ha incontrato Davide Porta attraverso il portale Second Life, luogo virtuale in cui non risente degli effetti della patologia di cui soffre. Simona, che era riuscita a far entrare Fabio nel portale per salvarlo dalle mani di Sergej e dei suoi uomini, finisce per essere torturata per ottenere informazioni. Ma lei non parla, continua a osservare Fabio, privo di conoscenza, che sembra in preda a un sogno molto intenso.

 

#Ep8

Le fronde degli alberi e i rami gli battevano sul viso mentre correva. Riusciva a percepire i bagliori dei fari anche al di sopra del bosco. Correva, come se da un momento all’altro potesse venirgli in mente un’idea. Un piano. Un luogo dove andare. Fabio conosceva poco la sua mente. I suoi medici gli avevano diagnosticato una sindrome dello spettro autistico. Non era mai stato bravo a manifestare le sue emozioni, eppure era dispiaciuto per quelle espressioni che comparivano sul viso della sua mamma. Sapeva che lei era preoccupata per cosa sarebbe stato di Fabio nel futuro. Con il tempo lo aveva visto integrarsi, a modo, suo con il mondo che lo circondava e acquisire di volta in volta nuove capacità. Quella che più la stupiva era la memoria. Era in grado di ricordare intere mappe e percorsi senza il minimo sforzo. E per Fabio questa era sempre stata una forma di soddisfazione. Il cuore gli batteva fin quasi a scoppiare, in quella situazione temeva che sarebbe esplosa la crisi. E se fosse accaduto lo avrebbero sicuramente trovato. Non doveva accadere. Non in quel momento. Cercò di mantenere la calma e si fermò sotto un albero dalle fronde più intense. Riprese fiato e iniziò a pensare. Ci vollero pochi istanti perché alla sua mente riaffiorò un ricordo. Era una mappa del bosco che aveva consultato qualche mese prima per un lavoro che gli avevano richiesto a scuola. Si stupì di ricordare ogni più piccolo e insignificante particolare. Compreso il punto più nascosto e pericoloso, ma nel quale i suoi inseguitori non sarebbero mai arrivati. Da quelle parti tutti gli abitanti della zona lo chiamano l’inferno. E ironia della sorte, quella rappresentava l’unica possibilità di salvarsi.

 

Simona era legata a una sedia. Sul suo corpo avevano sperimentato già diversi strumenti di tortura, dalle percosse, alle bruciature, fino all’annegamento. Si sentiva esausta e sul punto di cedere. Volevano sapere dove trovare il ragazzino, ma lei non lo avrebbe mai detto. Voleva consentirgli un margine di vantaggio. Sergej la fissava con sguardo perfido. Sapeva che l’avrebbe prima o poi uccisa se non fosse riuscito a recuperare Fabio. E forse l’avrebbe uccisa lo stesso. Fabio era stato furbo e scaltro. Quando aveva riaperto gli occhi sembrava posseduto da una luce nuova. In un attimo aveva capito che non poteva contare su di lei. Era riuscito a eludere la sorveglianza, nessuno di loro poteva anticipare le mosse di un ragazzino veloce e determinato che in poche mosse era riuscito a uscire all’esterno. Gli aguzzini erano convinti di prenderlo in pochi minuti, li aveva sentiti ridere di lui. Ma erano passate ore e non erano ancora tornati. E Sergej era sempre più nervoso.

Qualche istante più tardi Sergej perse la pazienza. Gli avevano comunicato che il segnale di posizionamento del ragazzo era svanito nel nulla. Simona non riuscì a nascondere un sorriso, sapendo che l’avrebbero colpita sul volto. Non le importava.

 

Clinica sperimentale 02

Il primario stava visionando gli ultimi risultati dei test eseguiti sul paziente ed erano negativi. Chiamò il responsabile del reparto e comunicò una data. La data in cui i macchinari sarebbero stati spenti. Tre giorni. Non avrebbe concesso più di tre giorni.

 

#Ep8 #Labirinto

 

Photo by Esaias Tan on Unsplash

Text by Daniele Mosca

Mondi paralleli

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio

Le atmosfere de #LaMacchinadelSilenzio non sono casuali. Viviamo in un mondo dove realtà e realtà virtuale corrono parallele, che a tratti collidono e che spesso si scontrano. Esiste una rete che ingloba tutto, una rete nata per scopi militari e dentro la quale si sviluppano algoritmi e virus creato con l’unico scopo di controllare, monitorare, influenzare, creare veri e propri mondi paralleli in cui nulla è più ciò che sembra. Sembra un film di fantascienza, eppure è la nostra realtà.

#Labirinto – Nelle puntate precedenti – #Ep1-#Ep7

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio, Pensieri
#Labirinto – Nelle puntate precedenti
 
#Ep1
Fabio può restare ore a guardare fuori dalla finestra. I suoi genitori sono preoccupati, da un po’ di tempo é cambiato. Fa domande strane. I suoi amici dicono che è pazzo, i suoi medici che è autistico. Fabio però con il computer é un mago. E adora i video giochi. É curioso e ha scoperto un gioco del passato. Il primo tentativo di realtà virtuale. Si chiamava Second Life. Si è costruito un avatar, un personaggio con cui può girare indisturbato in un mondo ormai deserto. Fabio é appassionato anche di radio, un mezzo di comunicazione ormai superato. Le frequenze che un tempo portavano musica sono ormai silenziose. Soltanto in una delle frequenze riusciva a sentire un fruscio diverso dagli altri. I suoi genitori però non gli credevano. Sapeva che presto lo avrebbero riportato dai dottori e gli avrebbero somministrato quelle pillole. Proprio in quel momento dalla radio sentì una voce. Riesci a sentirmi?
 
#Ep2
Fabio non rispondeva.
“Mi senti?” continuava a ripetere la voce dalla radio.
“Sì” sussurró Fabio. Tratteneva a stento i brividi. Il suono della sua voce che si appropriava del corpo. Una sensazione nuova.
“Dove ti trovi?”
Fabio ricordava le parole dei suoi genitori. Dicevano sempre di non dare confidenza agli sconosciuti. Era molto tempo fa. Prima che tutto cambiasse. Prima che loro cambiassero.
“In Italia”
“Non sei solo, ora ci…”
In quel momento la porta si spalancò e comparve sua madre. Fabio era riuscito ad abbassare il volume della radio.
“Fabio, hai parlato? Mi era sembrato di sentire delle voci”
Fabio scosse il capo e indicò il computer.
“I tuoi stupidi giochi” affermò stancamente Francesca.
In quel momento il monitor del computer si riattivó sulla schermata di Second Life.
Fabio lo fissò per qualche istante. Francesca cercò di capire, ma come tante altre volte non ci riuscì e uscì dalla stanza.
Fabio provava a comporre i pezzi nella sua mente. Forse stava impazzendo, come più volte gli avevano detto i suoi compagni di classe. Non aveva mai visto nessuno in quell’antico gioco virtuale. Ma se la schermata si era avviata, qualcuno doveva esserci.
Fabio si avvicinò al monitor, prese possesso del suo avatar e si mosse lungo la via principale. Osservò le stradine laterali. Erano deserte. Superò il vecchio bar dove un tempo gli utenti si incontravano per conoscere l’anima gemella. Poi sentì un rumore lieve, entrò in una via laterale. Fece qualche passo e poi la vide. Era una donna immersa in un lago di sangue. Ma era ancora viva. E gli stava chiedendo aiuto.
 
#Ep3
Fabio iniziò a muovere il mouse e riprese possesso del suo avatar. Osservò la ferita sul fianco della donna e cercò di tamponarla con la sua giacca.
Sapeva di avere solo pochi minuti per riuscire a salvarla.
Sentiva la crisi d’ansia arrivare.
Se fosse successo di nuovo lo avrebbero imbottito di farmaci come l’ultima volta.
Cercò di calmarsi e fece sollevare la donna. Una volta in piedi la fece appoggiare alla sua spalla e la accompagnó verso quello che era stato l’ospedale di Second Life.
Nella seconda schermata, accanto a quella del gioco virtuale, cercava tutorial su youtube su come fermare l’emorragia.
Giunti in ospedale, Fabio cercò la scritta “sale operatorie”.
Fece sedere la donna su una sedia a rotelle che trovarono all’ingresso e percorsero il lungo corridoio.
“Come stai?” Le chiese.
La donna non rispondeva. Stava perdendo troppo sangue. A ricordarglielo era la scia che stavano lasciando lungo il corridoio.
Entrarono nella sala e fece sdraiare la donna sulla barella. Era allo stremo delle forze.
Cercava di tenere a mente quello che aveva capito dei tutorial. Prese delle bende elastiche e del disinfettante. Ma non sarebbe stato abbastanza. Doveva rimuovere quella scheggia che spuntava dalla ferita. Avrebbe dovuto sedarla.
Dall’altra parte della casa sua madre continuava a chiamarlo per il pranzo e aveva a disposizione poco tempo. Cercò di calmarsi e di analizzare quello che i tutorial dicevano.
Aveva sempre avuto paura del sangue. E stava pulendo una ferita di una donna che non conosceva. Toccò l’oggetto che fuoriusciva dalla pelle e si rese conto che non si trattava di una scheggia, ma di qualcos’altro. Pensò a un proiettile, ma era diverso, seppur la forma lo ricordasse.
Lo rimosse lentamente e tamponò la ferita, una volta fermata e disinfettata aveva bisogno di applicare dei punti. Pregò di non svenire.
La voce di sua madre era sempre più forte. Prese la corda anallergica e iniziò l’operazione.
La donna era ancora sedata. Sperava che il dosaggio dell’anestetico fosse sufficiente.
Poi la sentì urlare.
In quel momento la porta si aprì. Era riuscito a nascondere la schermata di Second Life.
Accanto a sua madre c’era una donna con un abito elegante ma sobrio. Aveva un mezzo sorriso forzato.
“Fabio, saluta la dottoressa. Dice che vuole sottoporti a dei controlli.”
“Fabio, vuoi vestirti e venire con me? Faremo tanti giochi. Ti va?”
 
#Ep4
C’erano monitor dappertutto. E Fabio sentiva il morso della fame. Fuori dal suo involucro, costruito a sua difesa, stava gridando. E non avrebbe voluto farlo, sapeva che quando succedeva sua madre aveva paura.
Paura che suo figlio non riuscisse a superare l’ennesima crisi. Fabio riusciva a sentire la presenza degli elettrodi posizionati in ogni punto del suo corpo. Sentiva flebile il suono della voce della dottoressa che sta mostrando a sua madre un piccolo oggetto. Alcuni flash che sua memoria gli consegnava gli raccontavano che era stato portato in quel luogo trascinato da cinque persone, che lo avevano legato alla barella. Sprazzi di vista mostravano il monitor sul quale si muoveva impazzito il grafico delle sue funzioni vitali. La dottoressa aveva definito quello che stava accadendo: “la soluzione”. Fabio iniziò a percepire dei rumori provenienti da fuori, aldilà della porta della sala operatoria. Anche se nella posizione in cui si trovava riusciva a vedere poco, notò il viso della dottoressa. Era teso. Contratto. Capì che la dottoressa era allarmata. Il monitor che fino a pochi istanti prima aveva mostrato i suoi parametri vitali era saltato ed emetteva fumo nero. Anche quello accanto era ormai fuori uso.
“Cosa sta accadendo?”, pensò.
Fuori dal suo involucro Fabio aveva smesso di gridare. Sentiva il cuore accelerare, mentre vedeva la dottoressa fissare mia madre, la quale rispose con un breve cenno del viso.
Vidi la dottoressa indossare una mascherina e avvicinarsi con il piccolo oggetto in mano.
Proprio quel momento anche il terzo monitor saltò per aria. Fabio perse i sensi nel momento stesso in cui sentí penetrare l’oggetto nella mia nuca. Non vide più niente, soltanto flash che lo abbagliavano. Ovunque lui fosse in quel momento. Non riusciva più a percepire il tempo. Né a muoversi.
Quando riaprì gli occhi era sdraiato su una barella, si guardò intorno e pensò di trovarsi all’interno di un furgone che correva a folle velocità. Il lenzuolo era sporco di sangue e sentiva delle forti fitte poco sopra la nuca.
Fabio cercò di mettere a fuoco ciò che aveva intorno. Doveva mantenere la calma. Evitare che tutte quelle sollecitazioni non si sovrapponessero e che tutte le informazioni fossero condotte nei giusti corridoi. In quelli che conosceva meglio, perché aveva imparato a capire che la sua mente era come un labirinto. Bastava che informazioni finissero nel corridoio sbagliato perché tutto si confondesse e la realtà prendesse forme diverse.
“Stai bene?” sentì pronunciare da un viso che vedeva appena.
Fabio rimase in silenzio, chiedendosi se fuori dal suo involucro stesse già gridando.
“Io so che ti chiami Fabio”, proseguì.
Fabio sentiva il frastuono provenire dall’esterno del furgone. Gli penumatici stridevano, rumori metallici, colpi che spingevano il furgone da dietro, come se qualcuno o qualcosa lo stesse spingendo in avanti. I dati che vedeva sul piccolo monitor a lato indicavano che i suoi parametri vitali stavano tornando alla normalità.
“Come ti chiami?” pensò di chiederle. Chissà se la voce sarebbe uscita questa volta, pensò.
Fabio non seppe mai se la sua voce fosse davvero uscita, ma la ragazza che aveva di fronte rispose.
“Simona. Io mi chiamo Simona. E un po’ ci somigliamo”.
“E chi sei?”, immaginò di chiederle.
“Sono una ricercatrice.”
Fabio iniziava a unire le immagini che la memoria gli inviava. Quella ragazza era piombata nel laboratorio e aveva addormentato la dottoressa e sua mamma, lo aveva slegato e portato via, poco prima che degli uomini armati sfondassero la porta. Lo aveva accompagnato attraverso un’uscita secondaria e poi fatti salire sul furgone sul quale ora si trovava.
“Torneremo a prendere la mamma, sta tranquillo”, aveva detto. Mentre gli uomini armati salivano su un altro furgone e si lanciavano all’inseguimento.
 
#Ep5
La sala era piena di monitor, ma Simona lo condusse davanti a un oggetto che sembrava una scatolina nera. “Qui c’è qualcosa che vorrei farti vedere.”
“Cos’è?”, pensò di chiederle.
“Un vecchio gioco, che tu conosci. Ma dentro questo gioco c’è nascosto qualcosa.
Qualcosa che noi dobbiamo trovare.”
“Perché?”
“Perché smettano di cercarci. E perché tutto possa tornare come prima.”
“Dove sono loro?”
“Li abbiamo seminati, per ora. Proprio come nei giochi. Ma torneranno. Presto ci troveranno, per questo non abbiamo molto tempo.
“Cos’è?”, disse, indicando la scatolina.
“Un vecchio disco esterno. È lì dentro che si trova il gioco”.
“Lo accendiamo?”, chiese. Ma in quel momento la sentì arrivare. Una di quelle informazioni aveva preso il corridoio sbagliato. Capì dall’espressione di Simona che fuori dell’involucro aveva iniziato a gridare e che aveva preso in mano la scatola per lanciarla contro il muro. Simona si sarebbe arrabbiata. E non sarebbe più riuscito a giocare al nuovo gioco.
Sentiva di volerle chiedere scusa, ma non riusciva a fermare il suo corpo che si muoveva, impazzito. L’aria iniziava a mandargli, non era mai andato al mare, ma immaginava proprio così la sensazione di affogare. Questa crisi era una delle peggiori, lo capiva. I diversi dottori che avevano provato a curarlo avevano sempre detto di restare tranquillo, ma non ci era mai riuscito. E ora tutto stava divendo oscuro. Scatenando il lui la paura più ancestrale. Quella del buio.
Guardo Simona, con gli ultimi scampoli di lucidità. Gli sembro di vederla correre verso il muro e tornare con qualcosa in mano, per inserirla in uno dei computer.
Qualche istante più tardi tutto tornò normale. Improvvisamente.
Si guardò intorno, stupito.
“Cosa è successo?”, provò a chiedere.
“Siamo nel gioco.”
Fabio non vedeva nulla di diverso.
“Non capisco”, disse.
Osservò il volto disteso di Simona. Sembrava divertita.
“Che gioco sarebbe? Cosa dovremmo fare?”
Poi si rese conto. Stava parlando e ne era consapevole. Sentì una forma di magone provenire da dentro, poi non riuscì a fermare le lacrime.
 
#Ep6
“Dobbiamo arrivare al nodo di trasmissione del segnale”
“Quale segnale?”
“Quello che inibisce parte del nostro cervello: l’amigdala”
Fabio rimase a fissare la ragazza.
“Esiste un sistema in grado di modificare il ragionamento del nostro cervello. Ma esistono alcune anomalie. E noi facciamo parte di queste.”
“Chi sono gli altri che ne sono influenzati?”.
“Tutti, Fabio. Anche se loro non se ne rendono conto. Noi, in qualche modo, ne subiamo un effetto ridotto”.
“Come hai fatto a rimuoverlo?”
“Con un vecchio modello numerico che riesce a schermare il segnale di contagio, sono riuscita a recuperarla da un vecchio laboratorio utilizzato per le ricerche a cui avevo partecipato quando tutto era ancora normale”.
“Non è permanente?”
“No, quando si accorgeranno che il modello è stato attivato proveranno in tutti i modi a eliminarlo.”
“Come pensi di arrivare al nodo?”
“Attraverso un gioco che conosci bene”.
“Second Life?”
“Esattamente. Te la senti?”
Fabio si sentiva finalmente sicuro di se stesso.
“Non vedo l’ora.
Finalmente Fabio si sentiva a casa.
Le luci, le immagini, le sagome poco definite dei fabbricati. I suoni metallici di un gioco in cui aveva trascorso buona parte della sua vita.
Si voltò e vide la sagoma della donna che ricordava di aver salvato pochi mesi prima. Ricordava di averla portata nell’ospedale di Second Life per fermare la sua emorragia. Ora sapeva che quello era l’avatar di Simona.
“Dobbiamo prendere un’auto” disse lei, mentre si accingeva a rompere il vetro di una vecchia familiare.
La vide chinarsi sotto il volante per poi metterla in moto.
“Come fai a saperlo?”
“Me lo ha insegnato un caro amico. Un giorno lo conoscerai”.
Salirono in auto e percorsero la strada sconnessa fino ai bordi della città.
“Lo vedi quell’impianto là in fondo?”
“Sì. É macchina del fumo.”
“No, è molto peggio.”
“Cosa dobbiamo fare?”
“Entrarci.”
“É impossibile. So che è pattugliata dagli uomini del controllo del gioco.”
“Proprio per questo motivo ho portato queste” replicò mentre tirava fuori dalla borsa due tute.
“Indossiamole” continuò.
Fabio la vide togliersi la maglia e i pantaloni e rimase incantato dal suo seno e dal suo corpo. Se quello non fosse stato un gioco avrebbe provato quella sensazione per la quale sua madre lo sgridava sempre. In rete aveva letto che si trattava di erezione.
Indossarono le tute. Fabio non riusciva a mettere da parte l’immagine di lei in reggiseno e slip. Abbassò lo sguardo, cercando di nascondere la vampata che lo stava per travolgere.
“Non farlo mai.”
“Io…non…”
“Abbassare lo sguardo, Fabio. Non farlo mai. Ricordatelo. Di fronte a nessuno.”
Lui sorrise. Lei gli sorrise di rimando.
Proseguirono in auto fino al limite della recinzione. Simona condusse l’auto fino al cancello principale. Era aperto. La scritta indicava il nome dell’azienda, con rappresentato il logo riprodotto anche sulle tute. Dhk.
Lo stabilimento industriale sembrava abbandonato.
“Vedi anche tu le immagini leggermente distorte?” chiese Fabio a Simona.
“Sì. Dobbiamo fare presto”.
“Perché?”
“Sono interferenze”.
Avanzarono lentamente lungo il corridoio illuminato da poche lampade di emergenza sparse.
“Sento dei rumori”, affermò Fabio.
“Anche io. Provengono dall’esterno. Abbiamo pochi secondi.”
Raggiunsero la sala dei comandi, posta al primi piano del fabbricato. Simona si bloccò davanti all’immagine visualizzata sul monitor.
Qualche istante più tardi la vide anche Fabio. Simona vide la sua testa iniziare a ciondolare violentemente da una parte all’altra.
“Fabio, resta con me. Non è vero. Cercano di destabilizzarti”.
“Mamma.”
Simona cercò invano di farlo ragionare.
Sentiva i rumori esterni e le interferenze aumentare. Ormai li avevano trovati. Entro qualche minuto li avrebbero prelevati. Fabio non sarebbe più riuscito a comunicare se loro avessero distrutto la scatola nera. E lo avrebbero fatto presto. Pensò, mentre osservava sul monitor la mamma di Fabio piangere.
All’improvviso, all’interno del gioco si aprì una porta lampeggiante.
“Andiamo.”
“Cosa, cosa…”
“È una porta secondaria della rete.”
“Non posso. Io. Ho.”, replicò Fabio, continuando a ondeggiare la testa e fissando il vuoto.
Simona spinse con forza Fabio a oltrepassare la porta. In quell’istante la porta svanì nel nulla.
Aprì gli occhi ed era fuori dal gioco. Di fronte a lei gli occhi di ghiaccio di Sergej. Accanto a lei Fabio, privo di conoscenza.
 
#Ep7
Simona aprì gli occhi lentamente. Le immagini che vedeva erano ancora offuscate.
“Dov’è Fabio?”
Nessuno le rispose.
Vide accendersi un grande monitor posizionato davanti a lei. Comparve il volto di un uomo.
“Non puoi essere tu.”
“Certo che posso. Non devi preoccuparti per il tuo giovane amico. Starà benissimo.”
“Non dovete fargli del male!” urlò Simona.
Ma il monitor si spense.
Nel laboratorio accanto uno scanner ottico e uno scanner celebrale cercava di carpire le informazioni del cervello di Fabio per crearne un fedele backup.
Fabio camminava da solo in una strada polverosa. Il gioco lo aveva sbalzato fuori dalla centrale di Dhk. Non vedeva nessun utente attivo. Nessun movimento all’interno del gioco. Ricordava poco di quello che era accaduto, solo che Simona lo aveva spinto all’interno del gioco, prima che degli uomini disattivassero l’oggetto nero che gli consentiva di ragionare nel modo corretto. Non era abituato a ragionare in modo così fluido, i suoi pensieri erano più veloci, anche se sentiva che c’era qualcosa che gli mancava. Per un attimo ebbe paura di rimanere prigioniero in quella schermata. E nella sua mente si materializzò un altro pensiero: il desiderio, la consapevolezza che per lui sarebbe stata la cosa migliore. Infondo in quel mondo lui non aveva alcun limite, poteva esprimersi, farsi capire come tutti gli altri. Nessuno lo additava o identificava come diverso. Quel pensiero svanì in fretta, allontanato da uno che lo terrorizzava. Cosa avrebbero fatto quegli uomini a Simona? Ripensò al suo corpo sinuoso, al suo modo di muoversi. Sentì salire quella sensazione che iniziava a riconoscere: l’eccitazione. Cercò di lasciar dissolvere il pensiero di quella donna e proseguì per la sua strada. In lontananza vide comparire un fabbricato, un cubo senza alcun particolare di rilievo, un classico elemento geometrico che era abituato a vedere nelle ambientazioni dei vecchio giochi per computer e in particolar modo nel portale che un tempo era stato il preludio ai social network: Second Life.
Cercò una via di accesso e nel lato in ombra notò una piccola porticina appena disegnato. Non vide nessuna maniglia, ma era abituato a quella precisione superficiale nella programmazione dei primi giochi virtuali. Conosceva bene la definizione grafica elevata dei giochi moderni, ma in qualche modo amava quello stile unico dei primi videogiochi. Si allontanò convinto che si trattasse soltanto di un elemento abbozzato nel gioco, ma qualcosa non lo convinceva fino in fondo.
Nessun programmatore del tempo avrebbe mai inserito quella porta in una zona così poco frequentata abitualmente dagli utenti senza dargli un senso e una funzione. Avvicinò il viso alla porta cercando di individuare qualche caratteristica in più. In quell’istante sentì un rumore leggero provenire da oltre la porta e vide accendersi delle luci puntate sui suoi occhi. Di istinto li chiuse, ma un attimo prima che lo scanner ottico si attivasse e rilevasse il segnale che gli era utile perché la porta si aprisse di scatto. Fece qualche passo all’interno dell’edificio verso quella che sembrava una reception. Una scritta sulla parte bassa del bancone recitava: tempio dell’anima. Una voce metallica registrata gli chiese le credenziali. Ci pensò qualche istante e le recitò. Una linea luminosa gli indicò la strada da seguire, lui la seguì e lo condusse in una sala allestita con banchi simili a quelli di una chiesa con tanto di inginocchiatoi in velluto. Di fronte a lui vide un altare senza fiori, né decorazioni. Le luci sulle pareti riproducevano l’effetto dei rosoni di una chiesa gotica che ricordava di aver visto da qualche parte. Seduto sul primo banco vide un uomo. Fabio avanzò lentamente. L’uomo seduto era vestito di nero, l’età che riuscì a percepire era intorno ai quarantacinque anni.
“Ciao. Come ti chiami?” chiese Fabio.
L’uomo ricambiò il suo sguardo, poi lo riabbassò fissando l’inginocchiatoio.
“Ho bisogno di aiuto. Devo salvare una persona a cui voglio bene. Si chiama Simona. É una ricercatrice.”
Vide l’uomo rialzare lo sguardo e fissarlo, ma non rispose.
“Perché sei qui, in questo gioco?”
“Quale gioco?” rispose l’uomo.
“Second Life.”
“Ricordo solo di aver perso conoscenza e di essermi risvegliato in questa realtà.”
“Dov’eri quando è successo?”
“Chartres. Cattedrale di Chartres”
“Ecco dove avevo visto questi rosoni, sul libro di scuola”, disse Fabio.
“Comunque io chiamo Davide.”
Parigi
Ospedale
L’infermiere entrò nella stanza per controllare il paziente che un anno prima era stato portato in condizioni critiche e che da allora era rimasto in coma. Pochi minuti prima aveva sentito il primario dell’ospedale parlare con un noto esperto di neurologia. Il concetto che era stato chiaro, entro pochi giorni avrebbero valutato l’ipotesi di staccare la spina. Nessun parente lo aveva cercato e il quadro clinico era stabile da troppo tempo. L’uomo si chiamava Davide Porta.
 
#Labirinto
#Ep1#Ep7
Photo by Unsplash

#Labirinto #Ep7

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio, Pensieri

Simona aprì gli occhi lentamente. Le immagini che vedeva erano ancora offuscate.
“Dov’è Fabio?”
Nessuno le rispose.
Vide accendersi un grande monitor posizionato davanti a lei. Comparve il volto di un uomo.
“Non puoi essere tu.”
“Certo che posso. Non devi preoccuparti per il tuo giovane amico. Starà benissimo.”
“Non dovete fargli del male!” urlò Simona.
Ma il monitor si spense.
Nel laboratorio accanto uno scanner ottico e uno scanner celebrale cercava di carpire le informazioni del cervello di Fabio per crearne un fedele backup.
Fabio camminava da solo in una strada polverosa. Il gioco lo aveva sbalzato fuori dalla centrale di Dhk. Non vedeva nessun utente attivo. Nessun movimento nel gioco. Ricordava poco di quello che era accaduto, solo che Simona lo aveva spinto all’interno del gioco, prima che degli uomini disattivassero l’oggetto nero che gli consentiva di ragionare nel modo corretto. Non era abituato a ragionare in modo così fluido, i suoi pensieri erano più veloci, anche se sentiva che c’era qualcosa che gli mancava. Per un attimo ebbe paura di rimanere prigioniero in quella schermata. E nella sua mente si materializzò un altro pensiero: il desiderio, la consapevolezza che per lui sarebbe stata la cosa migliore. Infondo in quel mondo lui non aveva alcun limite, poteva esprimersi, farsi capire come tutti gli altri. Nessuno lo additava o identificava come diverso. Quel pensiero svanì in fretta, allontanato da uno che lo terrorizzava. Cosa avrebbero fatto quegli uomini a Simona? Ripensò al suo corpo sinuoso, al suo modo di muoversi. Sentì salire quella sensazione che iniziava a riconoscere: l’eccitazione. Cercò di lasciar dissolvere il pensiero di quella donna e proseguì per la sua strada. In lontananza vide comparire un fabbricato, un cubo senza alcun particolare di rilievo, un classico elemento geometrico che era abituato a vedere nelle ambientazioni dei vecchio giochi per computer e in particolar modo nel portale che un tempo era stato il preludio ai social network: Second Life.
Cercò una via di accesso e nel lato in ombra notò una piccola porticina appena disegnato. Non vide nessuna maniglia, ma era abituato a quella precisione superficiale nella programmazione dei primi giochi virtuali. Conosceva bene la definizione grafica elevata dei giochi moderni, ma in qualche modo amava quello stile unico dei primi videogiochi. Si allontanò convinto che si trattasse soltanto di un elemento abbozzato nel gioco, ma qualcosa non lo convinceva fino in fondo.
Nessun programmatore del tempo avrebbe mai inserito quella porta in una zona così poco frequentata abitualmente dagli utenti senza dargli un senso e una funzione. Avvicinò il viso alla porta cercando di individuare qualche caratteristica in più. In quell’istante sentì un rumore leggero provenire da oltre la porta e vide accendersi delle luci puntate sui suoi occhi. Di istinto li chiuse, ma un attimo prima che lo scanner ottico si attivasse e rilevasse il segnale che gli era utile perché la porta si aprisse di scatto. Fece qualche passo all’interno dell’edificio verso quella che sembrava una reception. Una scritta sulla parte bassa del bancone recitava: tempio dell’anima. Una voce metallica registrata gli chiese le credenziali. Ci pensò qualche istante e le recitò. Una linea luminosa gli indicò la strada da seguire, lui la seguì e lo condusse in una sala allestita con banchi simili a quelli di una chiesa con tanto di inginocchiatoi in velluto. Di fronte a lui vide un altare senza fiori, né decorazioni. Le luci sulle pareti riproducevano l’effetto dei rosoni di una chiesa gotica che ricordava di aver visto da qualche parte. Seduto sul primo banco vide un uomo. Fabio avanzò lentamente. L’uomo seduto era vestito di nero, l’età che riuscì a percepire era intorno ai quarantacinque anni.
“Ciao. Come ti chiami?” chiese Fabio.
L’uomo ricambiò il suo sguardo, poi lo riabbassò fissando l’inginocchiatoio.
“Ho bisogno di aiuto. Devo salvare una persona a cui voglio bene. Si chiama Simona. É una ricercatrice.”
Vide l’uomo rialzare lo sguardo e fissarlo, ma non rispose.
“Perché sei qui, in questo gioco?”
“Quale gioco?” rispose l’uomo.
“Second Life.”
“Ricordo solo di aver perso conoscenza e di essermi risvegliato in questa realtà.”
“Dov’eri quando è successo?”
“Chartres. Cattedrale di Chartres”
“Ecco dove avevo visto questi rosoni, sul libro di scuola”, disse Fabio.
“Comunque io chiamo Davide.”
Parigi
Ospedale
L’infermiere entrò nella stanza per controllare il paziente che un anno prima era stato portato in condizioni critiche e che da allora era rimasto in coma. Pochi minuti prima aveva sentito il primario dell’ospedale parlare con un noto esperto di neurologia. Il concetto che era stato chiaro, entro pochi giorni avrebbero valutato l’ipotesi di staccare la spina. Nessun parente lo aveva cercato e il quadro clinico era stabile da troppo tempo. L’uomo si chiamava Davide Porta.

#labirinto
#Ep7

Torino città magica

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio, Pensieri

Torino Magica è stato un successo editoriale che ha portato alla luce molte leggende sulla capitale sabauda, ma quanti di voi hanno davvero pensato che fosse tutto vero? Torino è stata il crocevia di diverse reliquie, una delle quali è la Sindone, ma esistono al mondo migliaia di reliquie di cui non si sa più niente. Molte delle quali sono sicuramente transitate proprio da Torino. La curiosità cade proprio nel punto di collegamento in cui proprio la Sindone ha risieduto ed è Chambéry, in Francia. I proprietari della Sindone facevano parte di una delle famiglie più conosciute d’Italia: i Savoia. Ma i Savoia avevano contatti ovunque, sviluppavano traffici con diverse zone del mondo, Gerusalemme compresa. Dietro le leggende di Torino magica si nasconde una storia misteriosa, legata alle tracce disseminate a Torino e in Europa. Ma si tratta di una storia che ha dimensioni mondiali. Per questo era il caso di raccontarla. E parte da molto lontano, ovvero da un oggetto ritrovato negli interrati del Duomo di San Nicola di Bari. Si tratta di una coppa. Ma non è quella a cui state pensando.

Per chi vorrà leggere il romanzo, ecco il link.
https://www.amazon.it/Lequazione-Daniele-Mosca-ebook/dp/B06XBT6W6W/ref=sr_1_fkmrnull_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=l%27equazione+daniele+mosca&qid=1554107479&s=gateway&sr=8-1-fkmrnull

I segreti della rete internet

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio

La rete nasconde mondi sconosciuti, il mondo costruito dagli uno e zero del codice binario è complesso. Come molti sanno la rete è nata con lo scopo di far comunicare realtà militari, alle origini si chiama Arpanet, poi aperta al mondo civile. Esistono però due reti, una, più segreta, che continua ad avere scopi militari, l’altra che è diventata quella che comunemente utilizziamo. Ma esistono anche non luoghi in cui possono avere luogo traffici di cui non rimane traccia, parliamo del Dark Web. Ma quello che non ci siamo mai chiesto è: esistono altre realtà di cui non sappiamo niente? E, inoltre, quello che sappiamo ci consente davvero di capire cos’è davvero internet? La verità è che quello che sappiamo è davvero poco. Per questo ho deciso di scrivere un romanzo che affrontasse questo tema da un punto di vista nuovo. Il protagonista di questa storia è Davide Porta, alcuni di voi lo hanno già conosciuto in un mio romanzo precedente. Io credo possa essere un bel viaggio da fare insieme, e, chissà, potremmo scoprire che internet è una parte che in realtà ci appartiene più di quanto possiamo immaginare.

Per chi vuole leggere il romanzo, ecco il link.
https://www.amazon.it/macchina-del-silenzio-Daniele-Mosca/dp/8899500789/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&keywords=la+macchina+del+silenzio&qid=1554107324&s=gateway&sr=8-1

Torna la #festadellibro a Orbassano, noi ci saremo

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, Musica, Pensieri

Dall’11 al 14 aprile torna a Orbassano la #festadellibro. Sicuramente una manifestazione a cui sono molto legato. Anche quest’anno ci sarà lo stand della casa editrice che ha pubblicato i miei due romanzi, inoltre mia moglie Anna Serra presenterà il suo nuovo romanzo #comeunarandagia, pubblicato anche per lei da Les Flâneurs Edizioni, Sabato 13 aprile alle 11.45
Nei giorni della manifestazione ci troverete allo stand per parlare dei nostri romanzi di quelli degli altri autori della CE.

È soltanto l’inizio

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio

Davide è un ex contrabbandiere. Il mondo attorno a lui è cambiato, lui è cambiato. Durante un evento alluvionale di proporzioni gigantesche incontra una giovane ricercatrice: Simona. Lei ha collaborato alla creazione di un modello numerico per il controllo del territorio. Ben presto scopriranno che il modello nasconde molto di più. In una Torino esoterica e a magica si svolge una storia che intreccia storia, scienza e le leggendarie vicende della Torino magica. Ma è soltanto l’inizio.

#lequazione
#LaMacchinadelSilenzio

#Labirinto #Ep6

Pubblicato il Pubblicato in #Labirinto, #LMDS, #MakingNovel, L'equazione - Il thriller, La Macchina del Silenzio, Pensieri, Poesie, Racconti

“Dobbiamo arrivare al nodo di trasmissione del segnale”
“Quale segnale?”
“Quello che inibisce parte del nostro cervello: l’amigdala”
Fabio rimase a fissare la ragazza.
“Esiste un sistema in grado di modificare il ragionamento del nostro cervello. Ma esistono alcune anomalie. E noi facciamo parte di queste.”
“Chi sono gli altri che ne sono influenzati?”.
“Tutti, Fabio. Anche se loro non se ne rendono conto. Noi, in qualche modo, ne subiamo un effetto ridotto”.
“Come hai fatto a rimuoverlo?”
“Con un vecchio modello numerico che riesce a schermare il segnale di contagio, sono riuscita a recuperarla da un vecchio laboratorio utilizzato per le ricerche a cui avevo partecipato quando tutto era ancora normale”.
“Non è permanente?”
“No, quando si accorgeranno che il modello è stato attivato proveranno in tutti i modi a eliminarlo.”
“Come pensi di arrivare al nodo?”
“Attraverso un gioco che conosci bene”.
“Second Life?”
“Esattamente. Te la senti?”
Fabio si sentiva finalmente sicuro di se stesso.
“Non vedo l’ora.

Finalmente Fabio si sentiva a casa.
Le luci, le immagini, le sagome poco definite dei fabbricati. I suoni metallici di un gioco in cui aveva trascorso buona parte della sua vita.
Si voltò e vide la sagoma della donna che ricordava di aver salvato pochi mesi prima. Ricordava di averla portata nell’ospedale di Second Life per fermare la sua emorragia. Ora sapeva che quello era l’avatar di Simona.
“Dobbiamo prendere un’auto” disse lei, mentre si accingeva a rompere il vetro di una vecchia familiare.
La vide chinarsi sotto il volante per poi metterla in moto.
“Come fai a saperlo?”
“Me lo ha insegnato un caro amico. Un giorno lo conoscerai”.
Salirono in auto e percorsero la strada sconnessa fino ai bordi della città.
“Lo vedi quell’impianto là in fondo?”
“Sì. É macchina del fumo.”
“No, è molto peggio.”
“Cosa dobbiamo fare?”
“Entrarci.”
“É impossibile. So che è pattugliata dagli uomini del controllo del gioco.”
“Proprio per questo motivo ho portato queste” replicò mentre tirava fuori dalla borsa due tute.
“Indossiamole” continuò.
Fabio la vide togliersi la maglia e i pantaloni e rimase incantato dal suo seno e dal suo corpo. Se quello non fosse stato un gioco avrebbe provato quella sensazione per la quale sua madre lo sgridava sempre. In rete aveva letto che si trattava di erezione.
Indossarono le tute. Fabio non riusciva a mettere da parte l’immagine di lei in reggiseno e slip. Abbassò lo sguardo, cercando di nascondere la vampata che lo stava per travolgere.
“Non farlo mai.”
“Io…non…”
“Abbassare lo sguardo, Fabio. Non farlo mai. Ricordatelo. Di fronte a nessuno.”
Lui sorrise. Lei gli sorrise di rimando.
Proseguirono in auto fino al limite della recinzione. Simona condusse l’auto fino al cancello principale. Era aperto. La scritta indicava il nome dell’azienda, con rappresentato il logo riprodotto anche sulle tute. Dhk.
Lo stabilimento industriale sembrava abbandonato.
“Vedi anche tu le immagini leggermente distorte?” chiese Fabio a Simona.
“Sì. Dobbiamo fare presto”.
“Perché?”
“Sono interferenze”.
Avanzarono lentamente lungo il corridoio illuminato da poche lampade di emergenza sparse.
“Sento dei rumori”, affermò Fabio.
“Anche io. Provengono dall’esterno. Abbiamo pochi secondi.”
Raggiunsero la sala dei comandi, posta al primi piano del fabbricato. Simona si bloccò davanti all’immagine visualizzata sul monitor.
Qualche istante più tardi la vide anche Fabio. Simona vide la sua testa iniziare a ciondolare violentemente da una parte all’altra.
“Fabio, resta con me. Non è vero. Cercano di destabilizzarti”.
“Mamma.”
Simona cercò invano di farlo ragionare.
Sentiva i rumori esterni e le interferenze aumentare. Ormai li avevano trovati. Entro qualche minuto li avrebbero prelevati. Fabio non sarebbe più riuscito a comunicare se loro avessero distrutto la scatola nera. E lo avrebbero fatto presto. Pensò, mentre osservava sul monitor la mamma di Fabio piangere.
All’improvviso, all’interno del gioco si aprì una porta lampeggiante.
“Andiamo.”
“Cosa, cosa…”
“È una porta secondaria della rete.”
“Non posso. Io. Ho.”, replicò Fabio, continuando a ondeggiare la testa e fissando il vuoto.
Simona spinse con forza Fabio a oltrepassare la porta. In quell’istante la porta svanì nel nulla.
Aprì gli occhi ed era fuori dal gioco. Di fronte a lei gli occhi di ghiaccio di Sergej. Accanto a lei Fabio, privo di conoscenza.

#Labirinto
#Ep6

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca