Perché è l’amore che è così.

Pubblicato il Pubblicato in Narrativa, Pensieri, Poesie

Ersilia aveva amato quell’uomo in silenzio.
Aveva atteso per anni che si accorgesse di lei.
E forse aveva sperato che abbandonasse la sua vita per stare con lei.
Ora Ersilia ascoltava il suono delle onde che si infrangevano sulla battigia.
Lo sapeva, ormai, che a ogni centimetro conquistato con lui, sarebbe corrisposto un vortice di solitudine in cui si sarebbe sentita rinchiusa, come su un’isola lontana e deserta.
Lui diceva che é l’amore che è così.
Che vince chi è più forte.
Ersilia, però, ora si sentiva stanca.
Quella forza, lei, probabilmente non ce l’aveva.
Fece un passo in direzione delle onde.
Si fece forza, poi ne fece ancora.
Si fermò soltanto quando l’acqua le raggiunse la gola.
Poi, si lasciò andare.
E tornò a nuotare.
Sentì che il suo corpo era tornato libero.
Non importava quanto ci avrebbe messo per dimenticare.
Ora sapeva che ci sarebbe riuscita.
Perché l’amore è così, pensò.
Vince chi è più forte, di chi pensa di esserlo.

Photo by Unsplash

Un caffè troppo amaro

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie
Cadono le foglie.
Così come le banalità.
Le follie abbandonate un attimo prima.
Cadono le stelle.
Le note che scivolano,
In un silenzio macchiato.
Ed è già autunno.
I colori accesi migrano,
ben oltre il mare
E noi restiamo qui,
a cercare le parole giuste.
Per darci un senso,
in uno specchio.
Che mi dipinge,
senza che io lo voglia.
E vorrei sentirmi più saggio,
non solo più vecchio.
Cadono le foglie,
come il sapore forte.
di un caffè troppo amaro.
Ph: Unsplash

Riprenditi i tuoi occhi

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Scopri il tuo viso,
non sarà il freddo a cambiarti.
Né questo vento,
che spazza via tutto.
Guardala in faccia,
questa voglia di urlare.
Di rialzarti da terra,
di riprenderti i tuoi occhi.
Nascosti dietro vetri oscuri.
Celati dentro i tuoi addii,
Persi nelle favole sporcate,
Vivi nei riflessi di una luna stanca,
in un mare che, in fondo,
non ti conoscerà mai.
Come hai imparato a fare,
di fronte a quello specchio,
che mostra il tuo viso.
E svela i tuoi occhi.

Photo by Unsplash

Un po’ di me che si inganna

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Grandine,
ogni colpo, un po’ di me che si inganna.
Il tempo non curerà le ferite,
di un mondo che ride di sé.
Piove più forte,
senza bagnare alcuna lacrima.
Farà freddo dopo,
quando il vento non ti raggiungerà.
E sarà un mondo diverso,
ma riderá lo stesso.
Una freccia scoccata,
in direzione di un posto lontano.
Grandine,
ogni colpo fa più male.
E dove ripararsi,
nelle radure dell’anima.
Dove raggiungersi,
in quell’attimo sospeso.
Tra cui sei,
e chi vorresti essere.

Photo by Unsplash

Sangue e ossigeno

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

L’inchiostro mi lacera,
brucia e la pelle ascolta.
Le luci della sera,
sotto i tacchi di chi si è perso.
L’alcool accarezza il mio stomaco,
so che domani farà male.
Ma stasera la musica è più forte.
Tremano le mani,
le immagini girano.
Ho perso il controllo,
ma vedo ogni sfumatura.
L’inchiostro mi serve,
come il sangue e ossigeno.

Photo by Unsplash

Se così fosse

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Anche se così fosse,
che il tempo ci cambia.
Che la pioggia non basta,
a dimenticarci,
di ciò che siamo stati.
Che il tempo ci avrà insegnato,
che i piedi sono radici,
che si cibano di cose vere.
Acqua.
Terra.
Aria.
Io non ci crederei.
Ma la verità ti fotte.
È uno specchio e doppio fondo,
Un film in bianco e nero.
Una pellicola che brucia.
Anche se così fosse,
il tempo avrebbe fatto il tuo corso.
E resi il cinismo,
che ci ubriaca di colori distorti.

Photo by Unsplash

Al posto nostro

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Avrebbe avuto il coraggio di guardarlo.
Dirgli che aveva ragione,
che era cambiata.
Ma con noi stessi non siamo mai davvero sinceri, cerchiamo di nascondere la verità,
tra le pagine di vecchi libri,
che invecchiano sugli scaffali,
come potessero farlo loro,
al posto nostro.

Sei un fallito

Pubblicato il Pubblicato in Narrativa, Pensieri, Poesie, Racconti

– Fallito – gli urlava il nuovo compagno di sua madre.
Valerio teneva testa a quell’uomo che puzzava di alcool.

– Non sei capace! Cosa ci vai a fare all’Università? Finirai comunque per andare a raccogliere cartoni. Tanto vale andarci subito e contribuire alle spese! – continuava lui.

Valerio tratteneva la rabbia, la tristezza e l’umiliazione. L’unica strada che aveva per costruirsi una vita era studiare. Ma farlo ogni giorni diventava sempre più difficile. Per frequentare l’Università servivano soldi e tempo. Ma stava per perdere anche l’unico dei punti di cui poteva disporre: la determinazione.
Valerio studiava di notte, mettendoci l’anima. Continuava a dare esami, senza tregua, perché sapeva che gli avrebbe concesso ancora un po’, vincendo una borsa di studio. Quello era l’unico modo per continuare ad alimentare quella che gli sembrava sempre più una stupida illusione.

– Non hai niente da dire? Pensi a quando potrai finalmente progettare cessi? – concluse, ridendo.
Sua madre avrebbe voluto difenderlo, ma non poteva farlo. Perché dipendeva dagli umori di quella bestia.
Valerio aveva sentito più volte nella sua vita cedere il terreno sotto i suoi piedi.

Si alzò e si soffermò a osservare l’immagine della copertina di un libro proiettata sul muro.
Quante volte nella sua vita aveva trovato difficile guardarsi anche solo guardarsi allo specchio senza sentire il peso delle sue sconfitte.

Poggiò una mano, come per sostenersi, sul tavolo che sarebbe servito da lì a breve per un’altra presentazione.

Valerio aveva iniziato a vomitare per sopportare quel senso di buio che sentiva salire ogni volta dall’esofago. Rimettere quel poco che riusciva a mangiare ed era ogni volta come una liberazione. Una forma arcaica di reazione, che però non faceva altro che mandarlo ancora di più al tappeto.

Il momento peggiore, però, era arrivato quando aveva sbagliato il primo esame. Un momento di buio totale che non gli aveva permesso di rispondere nel modo corretto, nonostante avesse studiato e fosse ben più che preparato. Il suo cervello lo aveva abbandonato nel momento in cui ne aveva più bisogno e in quel momento non aveva avuto nemmeno la forza di ammetterlo. Perché avrebbe avuto bisogno di mangiare, di riabilitarsi, di rialzarsi. Ma l’unica necessità che sentiva salire dal suo stomaco era solo una. Continuare a vomitare.

– Possiamo già iniziare a sedersi? – chiese una signora che era appena entrata nella sala.

Valerio la guardò, riprendendosi un attimo dai suoi pensieri.

– Sì, certo. – rispose, osservando altre persone che stavano entrando.

Si allontanò da quel gruppo di persone che man mano stava diventando sempre più numeroso.

– Buongiorno, sono Alessandra, la giornalista. Ci siamo sentiti telefonicamente, lei è Valerio, immagino –

Valerio gettò ancora uno sguardo allo schermo che proiettava un’immagine della copertina di un libro. Si chiamava “Fallito”.

– È pronto a raccontare a tutta questa gente la sua storia? ­–

In quel momento si rese conto che quella copertina rappresentava l’immagine nello specchio in cui finalmente riusciva a guardarsi. Rimandò indietro il magone e quella lacrima che avrebbe voluto uscire.

­ – Direi di sì. Ora sono pronto. –

Ph: Unsplash