Non sei sola

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Non sei sola.
Quando ti cerchi,
oltre il riflesso degli specchi.
E in una pagina bianca,
scopri che hai paura.
Anche se non lo ammetterai.
Non sei sola,
quando bruci il passato.
Che non può scomparire.
E giochi,
ma la più male.
L’amore è un soldato.
E sai che non sarai tu,
a perdere.
Ma ogni nuovo giorno,
é un ritmo,
una musica.
Che riscopre i tuoi occhi.
E così,  ora lo sai,
che non sei sola.

Photo by Unsplash

Questa stupida pagina bianca

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Credo di non aver mai avuto la sindrome da foglio bianco, perché, in fondo, le idee non mi sono mai mancate. Ma il tempo cambia le prospettive, le sfuma. Così ho iniziato a chiedermi se quelle idee fossero davvero così giuste. Ed é successo perché vedevo intorno a me una realtà distorta. Mi sono chiesto se fossi io a sbagliare, quando per la prima volta presi un quattro su un tema da otto. E soltanto perché certe cose, diceva la professoressa democristiana, non si potevano dire. Quando la suora diceva agli altri bambini di non parlarmi perché i miei genitori erano separati. Quando il genio di turno mi diceva che non sarei mai arrivato a fare quello in cui credevo e che nella vita é più importante compiacere chi conta che portare avanti le proprie idee. Con il tempo ho iniziato a lasciare sempre più spesso i fogli bianchi, a stare zitto, fino a quando ho iniziato a sentire dentro un profondo senso di vuoto. E mi sentivo sempre più colpevole. Perché quando silenzi un’idea, sei anche tu il carnefice. Perché se non ci credi tu, non ci crederà mai nessun altro al posto tuo. E proprio quando avevo dimenticato di saper scrivere, ritrovai quel vecchio tema delle superiori. C’era quella rabbia di chi non vuole arrendersi, di chi non vuole abbassarsi alla logica del “tanto é così che va” e che se ne fotteva se avesse preso quattro, raccontava le cose per come andavano dette. A quella parte di me devo una spiegazione a tutto questo, a questa stupida pagina bianca.

Photo by Unsplash

Io l’amore l’ho cantato

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Io, l’amore,

 l’ho cantato.

Insultato, poi cantato ancora.

L’ho urlato,

scritto sui muri abbandonati.

Inghiottito come un sorso di pessimo vino.

Vomitato da un palcoscenico.

Per amore, mi hanno deriso.

Perché chi lo raccontava,

era un perdente.

Io l’amore,

l’ho temuto.

Cercato.

E ne sono sfuggito.

Rincorrendo qualcosa che non conoscevo.

O qualcosa che credevo di conoscere.

Mentre continuavo a sbagliare.

Io l’amore, l’ho trovato.

Per caso,

tra le pagine di un libro con le pagine bianche.

Perché ogni amore ha le sue regole,

le sue parole.

I suoi silenzi.

Io l’amore,

l’ho cantato.

E non me ne sono mai pentito.

Né mai me ne sono vergognato.

Photo by Unsplash

Quello specchio

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

C’è chi cerca l’amore, nell’immagine riflessa nel proprio specchio. Chi ne raccoglie cicche, tra le foglie cadute dai rami delle proprie certezze. Chi si perde, nelle rughe impresse sul dipinto della propria identità. Rubando istanti, per non sentire alcun peso. Tanto meno della solitudine. C’è chi viaggia. Perché l’amore è anche questo. Chi sogna, scrive e ne racconta le ferite. C’è chi d’amore non sa parlare, ma dipinge, di bianco e di nero, fino a scoprire i colori. C’è chi non cerca più. Perché le parole non bastano mai. E non ne esiste definizione, se non in uno sguardo. Nulla sarà mai così semplice, nemmeno nella propria immagine riflessa. Se quello specchio, non siamo noi.

Photo by Unsplash

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Siamo isole,
luci in fondo al mare.
Barche solitarie.

Ricordami i miei occhi,
che non ho il coraggio di guardarmi.
Lo specchio, mente.

Tutto sembra fermo.
Tutto sembra finto.
E la notte è troppo lunga.

Ricordami chi sei,
che in questa nebbia,
io non ti riconosco.

Questo silenzio finirà,
ma ci rimarrà addosso.
E ci ha già cambiati.

Photo by Unsplash

Dove avevo gli occhi

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Dove avevo gli occhi,
al margine esterno della terra.
Dove il sale li brucia.
Il marchio a fuoco,
il gioco sbagliato.
Siamo esseri umani.
Demoni sporchi di santità.
Dei che non ce l’hanno fatta.
Dove avevo gli occhi,
cancellati dal tempo.
Battuto, perché diventasse musica
Sconosciuto, buttato.
Senza nome.
Chiudo la serranda del negozio,
per oggi ho sorriso troppo.
Cerco il mio volto,
tra le vetrine spente,
di una città pronta per l’inverno.
I poeti a quest’ora dormono.
Dove avevo gli occhi,
persi, disillusi, stanchi.
O semplicemente chiusi.

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca

Il vecchio peschereccio

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Le onde sono più alte di questo vecchio peschereccio. Sembrano accanirsi sul legno umido e fragile. Gli scricchiolii sono più forti, anche del cuore che batte. Perché ha paura. Io raccolgo qualche immagine, pensando che questa possa essere l’ultima onda. Quella che porta via anche questo pensiero. Poi mi accorgo che arriva un’altra onda e un’altra ancora. E mi viene da pensare che il legno di questa barca abbia ancora molto da raccontare. Il motore ruggisce. Un po’ di luce all’orizzonte. Eppure, senza queste onde, senza questo sale nelle vene, gli scricchiolii del legno logoro, il filo di luce che improvvisamente comprare nell’oscurità, forse, il cuore non riuscirei a sentirlo battere. Senza il freddo di queste tempeste, non saprei cercare nei tuoi occhi il sapore dell’alba. Perdermi nelle sfumature di questo mare. Le onde sono svanite. Tutto sembra calmo, adesso. Il cuore batte, ancora. Forse mi stai aspettando, probabilmente no. E che importa, stanotte farà freddo. Ci sarà vento. Questo vecchio peschereccio ha bisogno del mare, come ne ho bisogno io.

Photo by Unsplash