In un luogo, in un tempo

Pubblicato il Pubblicato in Narrativa, Pensieri

Ci sono cose che abbiamo pensato essere importanti, ma che, all’ordine dei fatti, non sembrano tali. E ti ritrovi in un luogo, in un tempo, che ti getta in faccia un deserto che non avevi riconosciuto. Così devi ricominciare tutto da capo. Con te stesso, con quello in cui credevi e che ora appare sbiadito e lontano. No, non è che io sia cambiato. Sono solo stanco di accettare che vengano gettate addosso delle maschere. Perché per alcuni è più comodo credere che siano volti veri. Così è di nuovo il momento di scrivere nuovi progetti, di fare scelte che consentano di ricucire i vuoi lasciati dai rimpianti, dalle strade della vita che tante volte ti postano in radure lontane, in cui non trovi più niente che senti appartenere. Questa sensazione l’avete provata tutti, ne sono certo. Forse con amici, sul lavoro, nei sentimenti, semplicemente mentre davanti allo specchio cercavate di nascondere i segni del tempo. E forse con quelli fuori qualcosa si può fare. Ma dentro no. E sappiamo bene che non ci si può fermare. Che bisogna continuare. Anche quando nessuno ci crede, quando ti dicono che è troppo tardi. Che ti farai ancora male. Eppure sullo specchio, l’ho notata. Era una goccia che scivolava giù. Mi è sembrata una lacrima. La verità è che non siamo sempre quello che diciamo di essere, o quello che vorremmo essere. Se la natura ti ha dato le unghie, graffierai. Se ti ha dato i denti, morderai. Se ti ha dato un cervello, penserai. E se ti ha dato un cuore, amerai, nonostante tutto. Se ci sono cose che abbiamo pensato fossero importanti, probabilmente lo erano. Tocca a noi rialzarci, rimetterci in gioco. E tornare a scrivere sui muri i nostri progetti. E chissà, forse qualcuno li leggerà. Forse un giorno qualcuno si accorgerà di noi. Male che vada, ci ritroveremo a sorridere a quella lacrima che scivola via, perché, semplicemente, ci appartiene.

Photo by Unsplash

Lacrima, guardati

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Guardati.
Il vento muove i capelli,
mentre il sole, annega.
Non saranno i colori,
a salvare quella lacrima,
silenziosa e inaspettata.
Che brucia sulla pelle.
Che segna e fa rumore.
Che insegna e dimentica.
No, non sei più la stessa.
Ogni tua immagine è svanita,
ogni istante, scivolato via.
Scandito da un tempo feroce.
Guardati,
Il suono del vento,
rompe il silenzio.
Ma alcune parole,
restano lì.
Appese a quel cielo,
distratto,
indifferente.
Che riflettono uno sguardo,
di un tempo,
che nessuna musica racconta più.
Lacrima, guardati.
Se anche ti perdessi in quel mare,
un giorno ti ritroveresti.
Ora, vai.
E abbi cura di te.

Photo by Unsplash

Settembre

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Fuori piove e sembra già inverno. Non posso dire che faccia freddo, ma l’estate sembra ormai già lontana. All’orizzonte ci sono tante novità e tante cose da fare. A volte sembra che settembre sia il luogo dei bilanci molto più che Capodanno. Sarà perché lo si associa sempre al ritorno a scuola dopo le vacanze. Quel momento in bilico tra passato e presente. Un limbo di sensazioni che non riescono ancora a esprimersi, ma che lo faranno presto. Nel frattempo inizio a leggere un nuovo libro. E poi, vedremo.

Steve Bannon arrestato, cosa vuol dire?

Pubblicato il Pubblicato in Articoli, Attualità, Pensieri

Steve Bannon è stato arrestato per frode fiscale. Detto così potrebbe non interessare a nessuno, se non fosse che si tratta di uno stratega politico che ha mosso le pedine negli ultimi anni. È colui che ha lavorato alla campagna politivadi Trump, ma anche di diverse realtà politiche italiane, come Movimento Cinque Stelle e Lega. In poche parole è uno degli ispiratori dei movimenti “sovranista”, ma la domanda che lascio è questa, può essere un caso che questo stia accadendo a pochi mesi dalle elezioni presidenziali americane, in cui si giocherà, appunto, la riconferma di Trump? Potrebbe essere un indizio per capire che è in corso una rimodulazione degli equilibri politici e che il “sovranismo” non rappresenta più “la moda del momento”?

Phot by The New York Times

Ce n’è o non ce n’è “Coviddi”?

Pubblicato il Pubblicato in Articoli, Pensieri

Quando leggo le polemiche che riguardano l’uso delle mascherine, non posso che sentirmi sconfortato. Ma partiamo dal principio. La mascherina è un D.P.I., Dispositivo di Protezione Individuale, serve a mitigare i rischi di contagio in una fase delicata come quella che stiamo vivendo. Risolve il problema al cento per cento? Certo che no. Ma il suo utilizzo fa parte di un piano che prevede il distanziamento sociale come prima precauzione. Problema risolto? Ovviamente no, e non può che essere così quando si parla di mitigazione del rischio. Il tema delle polemiche va ben oltre, si nega l’esistenza del virus. In realtà il tormentone ormai noto “Non ce n’é Coviddi” nasce da una battuta di un cittadino fatta durante un’intervisita , utilizzata poi per colpevolizzare i più giovani, colpevoli, secondo i media, di far riprendere i contagi.
La gestione di un’emergenza come questa passa attraverso azioni reali volte a mantenere funzionale il sistema sanitario, nonostante la crisi. Ed è per questo che è necessario continuare ad attuare meccanismi di mitigazione del rischio di contagio. Con buona pace dei santoni, virologi super star in astinenza da telecamere, tuttologi.

Personalmente mi affascina poco il tema di apertura o chiusura delle discoteche, è un’attività che nasce come centro di aggregazione, trovo un controsenso il concetto di distanziamento in un luogo così. E capisco che ballare con la mascherina sia impensabile. Forse quel tipo di attività non doveva essere riaperta, per analogia con quanto fatto per i concerti.

Personalmente non penso che centinaia di persone che si svegliano e si alleano sui social per auto convincersi di qualcosa possano essere definiti “la vera informazione”. Penso che si debba ragionare con la propria testa, penso che molto giovani siano percettamente capaci di farlo, così come credo che faccia comodo pensare che non lo facciano.

Il tema importante in tutto questo marasma di problematiche resta l’apertura delle scuole, anche come indicazione sicura nei confronti dei più giovani. Per dare un segnale che la scuola è il pilastro sul quale si fonda la nostra società, non può e non deve essere percepita come qualcosa di meno importante del turismo, del commercio e addirittura del divertimento. Questo sarebbe l’errore più imperdonabile. Ed è già stato fatto. Da tutte le parti politiche.

Photo by Unsplash

Vittima 2117, il nuovo romanzo di Jussi Adler Olsen

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Recensioni

#Vittima2117 é un thriller molto differente rispetto agli altri romanzi della serie #SezioneQ di Jussi adler Olsen, ma non per questo non meno affascinante. Il tema principale è il passato di uno dei personaggi più enignatici della serie: Assad. Un suo acerrimo nemico é tornato dal passato per portare a termine la sua vendetta. Il piano prevede un attentato terroristico in Germania, che coinvolge la famiglia di Assad. Il lettore assiste alla preparazione di questo attacco e contemporaneamente alle indagine per svelarlo, anche attraverso gli occhi di un giornalista, entrato suo maldrado in contatto con l’attentatore: Gaalib. A tratti il romanzo rallenta, come per dare il tempo al lettore di assimolare ogni scena e soprattutto i pensieri di Assad, che ne emerge completamente in modo diverso rispetto alle puntate precedenti. Ma non stupisce troppo. Il romanzo lascia in qualche modo spiazzati, perché fa riflettere su quello che sarà il futuro di Assad, ma anche di Carl, che anche in questo caso lo aiuta in un momento così difficile, mentre anche la sua vita sta per cambiare.