Il Pirata

Pubblicato il Pubblicato in Articoli, Pensieri

Oggi è San Valentino, un giorno importante per tanti motivi, ma a me piace ricordarlo anche perché è stato il giorno in cui un artista che ho amato molto è stato ritrovato morto in un’anonima stanza di albergo di Rimini. Sto parlando di Marco Pantani. Distrutto dalla stampa, dalla sfortuna, dai cattivi incontri, non è riuscito a vincere l’ultimo gran premio della montagna. Abbandonato da tutti è uscito di scena in silenzio, ma per molti di noi è ancora qui ed è ancora un esempio, nonostante chi cerca di screditare, puntare il dito, fare del male, a me piace ricordarlo con la sua bandana a sbaragliare e lasciarsi alle spalle gli avversari. La sua fragilità era anche la sua forza, non dimentichiamolo quando ci perdiamo e rimaniamo soli. Non dovremmo mai vergognarcene.

Quindici mesi

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri

Oggi compi quindici mesi. Un tempo che divide due vite che sembrano così diverse. Ora cammini da sola, ma si stringe il cuore quando mi prendi la mano e mi accompagni in giro per la casa. Quando ti stringi a noi. Ogni giorno è una scoperta e ogni giorno diventi più consapevole, sviluppi il tuo carattere. Così quando ti vediamo sfrecciare per casa con in mano qualsiasi cosa che ti abbiamo già detto mille volte di non prendere, ci guardiamo e sorridiamo. Perché quella testa dura l’abbiamo proprio fatta noi. E non poteva che essere così.
#quindicimesi

Tutto il mondo è qui

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri

Tutto il mondo è qui.
Chiuso in due cuori che battono,
mentre dormono ancora.
Fuori è l’alba.
Ma il freddo lo conosco già.
Sia quello fuori,
che quello dentro.
Non dire nulla,
è per quello che scrivo.
Ed è per questo che,
nonostante tutto,
io sorrido ancora.
Per quelle cicatrici che vedi,
ho sofferto,
quasi pianto,
a volte,
ma non è mai bastato,
perché smettessi di crederci.
E ora li sento da qui,
il battito dei due cuori che battono.
La mia famiglia.
Il mio cuore lo sa,
anche quando soffre.
Perché il mondo brucia.
Lo fa in silenzio, come me.

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca

Oggi compi 14 mesi

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Oggi la piccola compie 14 mesi. Il tempo è volato. Quando la guardiamo e scopriamo che diventa sempre più grande e consapevole di ciò che vuole ci guardiamo e in quello stesso attimo sospeso c’è tutto un mondo. Tutto quello che chi cresce un bambino raramente racconta. Quegli istanti in cui sembra tutto difficile, in cui la stanchezza affiora, in cui ci guarda allo specchio e ci si vede diversi, anche solo da pochi anni fa. Ma in quel momento sospeso c’è anche la felicità, la soddisfazione, il sentimento che si plasma su una forma che non comprende più solo due persone, ma tre. Come una coperta che si adatta perfettamente a tutti gli spigoli. Che difende dal vento, dal freddo che a volte riemerge da dentro. Crescere un figlio non è facile, perché mette di fronte alle nostre fragilità, alle paure. A ciò che non conosciamo, e tante volte riguarda proprio noi stessi. Ma quando lei ci guarda con quegli occhi sinceri e puliti vorremmo che conservasse per sempre quello sguardo, anche se sappiamo che non sarebbe la cosa migliore per lei, perché vivere non è un gioco. In quell’attimo sospeso ci sono tutte le parole che non si ha il coraggio di dire. Quell’amore che si nasconde nelle canzoni, nelle frasi scritte di nascosto su un muro. Quell’amore che lo sguardo di una creatura indifesa racconta meglio di ogni parola.

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca

Come nasce uno sguardo

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Ripensavo a quanto ho scritto ieri, al fatto che alcuni lo abbiano trovato triste. Io credo che anche l’amarezza vada raccontata, anche quando lo sguardo nasconde occhi che trattengono le lacrime. E lo si fa per un motivo. Raccontarla a se stessi. Ma a chi mi legge vorrei arrivasse un messaggio che cerco sempre di inserire tra le righe dei miei testi. Una partita si può perdere. Fa male. Fanno male gli slogan urlati dalla curva avversaria. Fa male uscire dal campo a testa bassa. Ma l’unica cosa da fare è tornare ad allenarsi. A migliorare il gioco della propria squadra. Continuare a provare le punizioni finché non spengono i riflettori del campo. I veri tifosi questo lo sentono. Tristezza, amarezza, paura, rabbia, sono sentimenti importanti che possono diventare una sola cosa: determinazione. Questo vale per tutto, un romanzo, un progetto, o qualsiasi altra partita ci sarà da giocare in futuro. Da bambino mio padre mi portava a vedere le partite del Bari. Ricordo ancora un partita giocata contro la Juventus, squadra per cui ai tempi tifavo, ricordo la determinazione di quella piccola squadra, i pochi tifosi del Bari che riuscivano a coprire con i loro cori quelli svogliati degli avversari più blasonati. Il Bari vinse. Ma il risultato conta poco. Quello che voglio dire è una partita si inizia a giocare molto prima di quando si entra in campo. Durante gli allenamenti, negli spogliatoi. Lo sguardo che indosserai nella prossima partita si costruisce anche attraverso i momenti di tristezza, amarezza, paura e rabbia.

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca

Buon #2020

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri

Questo è stato un anno complicato. Tanti cambiamenti, cose avrei voluto fare meglio. Cose vorrei saper fare meglio. Ma non siamo esseri perfetti. Chi come me è romantico, ama la luna, parlare tra sé e sé dei sogni, ma anche dei rimpianti. Non si può mai sfuggire dal fare i conti con se stessi, non in giorni come questo, almeno. Ripartire da se stessi vuol dire anche fare chiarezza, dentro. Per il prossimo anno vorrei tornare a rivedere il me stesso più determinato e sicuro, non preda dei venti. Mi rendo conto che anche questo post non suoni come vorrei. Sento tra le mie parole come una nota stonata che rovina l’intera sinfonia. Forse in questi casi sarebbe più saggio un sano silenzio. C’è del fuoco che probilmente ancora arde sotto la cenere. E io proprio non posso farci niente. Ma d’altro canto, chi è romantico lo sa che la luna gioca brutti scherzi. Per tanto, basta con i convenevoli. Tanti auguri e che sia un buon nuovo anno per tutti. #2020