Chi sei

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Chi sei,
quando scivoli nel sonno.
E i sogni iniziano a svelarsi.
Quando scrivi sui muri.
Quando vorresti abbatterli,
quei muri.
Chi sei,
quando finisci un libro,
senza riuscire a uscirne.
Quando lo sai,
che eri un illuso.
Che il mondo è solo quello che vedi.
Chi sei,
quando ti svegli.
E non ricordi più cosa avevi sognato.
C’è un muro scrostato,
in fondo alla via.
Nascoste dall’intonaco,
frasi impresse con l’inchiostro.
Quello che vedi,
era il mondo che volevi cambiare,
il nostro.

Photo by Unsplash

E tu mi hai scelto

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Mi hai scelto,
con le mie ferite.
Sporco dei miei naufragi.
Con le tasche piene,
di sogni infranti.
Con gli occhi induriti,
senza più lacrime.
Con le mie parole,
timide e sussurrate.
Le mie grida,
gettate in pasto alle note.
E alle pagine bianche,
imbrattate di speranza.
Con i miei riflessi stanchi,
rialzandomi ogni volta.
Le mie rughe,
scavate dai fiumi delle delusioni.
Tu mi hai scelto,
nonostante tutto questo.
E mi hai regalato un mondo,
che credevo perso.

Photo by Unsplash

Una bella notizia

Pubblicato il Pubblicato in Narrativa, Pensieri, Poesie

Qualche giorno fa ho ricevuto una bellissima notizia che riguarda l’ambito letterario. Lo dico sinceramente, mi sono emozionato. Sono molto contento e non vedo l’ora di potervi dire di più. Si tratta anche per me di una ripartenza. Ci sarà da lavorare molto, ma come sempre ci metterò cuore e anima. Come sempre, ringrazio chi mi ripone in me sua fiducia, chi mi legge, chi mi dà consigli costruttivi, chi collabora nei miei progetti.

Photo by Unsplash

Il teatro è una questione di prospettiva

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Il teatro è pur sempre una questione di prospettiva.
L’attore che osserva il pubblico,
il regista,
chi muove le luci,
l’ubriaco in ultima fila che cerca il cesso.
La vita è nei suoi scenari,
nelle bottiglie di birra,
buttate giù per dimenticare.
Nelle notti passati in bianco,
perché tuo figlio non ne vuole sapere di dormire.
Nelle parole che volevi scrivere,
ma non ne hai avuto il tempo.
Il teatro è lo spettacolo che finisce,
la gente che esce dalla sala.
È l’ubriaco che si risveglia
E vede aprirsi la porta del cesso.
È chi luciderà il palcoscenico,
sperando in un rinnovo di contratto.
È l’amore maldestro di due amanti,
che scappano via dal bagno,
sicuri di non essere stati visti.

Photo by Unsplash

La retorica degli amori che si perdono

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

É la retorica degli amori che si perdono,
l’inganno.
La sabbia che scivola via tra le mani.
La lancetta di un orologio,
che si è fermato tempo fa.
È inchiostro sprecato.
La retorica degli amori che si perdono,
é il perdóno stesso.
Verso te stesso.
Perché ogni volta ne uscirai diverso,
con il tuo riflesso,
in uno specchio di carta.
Fino a non riconoscerti più.
Tutto si svela,
come riflessi colorati,
su un mare di tessuto,
che punge la pelle.
Aghi,
lame,
parole roventi.
E poi, solo qualche scritta sul muro.
É la retorica degli amori che si perdono,
la complicità della sera.
Del vento che arriva dal mare.
Di quel brivido, di freddo.

Photo by Unsplash

A sfumare

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Come ogni sera, sul palco,
resto a guardare gli spalti ormai vuoti.
Le luci sono spente,
il ricordo vivo di quei volti che sorridono.
Un uomo, una donna,
che si abbracciano.
Ridono, ancora.
Li vedo andar via,
tra le voci nella sala.
Ormai quasi deserta.
Ma che volete che ne sappia, io.
Sono solo un comico,
un uomo che,
per vivere,
indossa una maschera
E che, ogni sera,
svanisce,
con le luci dei riflettori,
silenziosamente.
A sfumare.

Photo by Unsplash

Sangue

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Il cursore lampeggia. Ma la pagina è ancora bianca. Sto perdendo sangue. Costruire un mondo, farne le spese. Questo è un romanzo, non una realtà qualsiasi. E mi porto le mani sugli occhi, perché non posso non vedere, che il tempo scorre. Che la sabbia scivola, sulle pareti lisce di una clessidra. Mi guardo allo specchio. C’è un volto che è cambiato, lo stesso sguardo, che sogna meno di un tempo. Scrivere è una lama, non può non lasciare segni. Solchi sul viso, rumori oltre lo stomaco. Il cursore lampeggia, ma le pagine bianche non mi hanno mai fatto paura. Sto perdendo sangue, ma è inchiostro.

Photo by Unsplash

Naufraghi

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

La verità è che nella vita tante volte è necessario girare pagina. E farlo lascia dentro sempre tante ferite, pagine scritte a metà, rimorsi, scrupoli, sogni naufragati. Ma ogni passo è una pagina in più, scritta su un libro che è la nostra vita. Certo che fa male, è inevitabile. Attendere per una vita intera che qualcosa cambi è semplicemente inutile. È meglio sbagliare. Perché aiuta a capire come ricostruire. Chi di noi non ha pensato solo a come veniamo visti al di fuori di noi, lo abbiamo tutti. Perché mettersi in discussione è più complicato. Non basta stamparsi in faccia un finto sorriso, perché le rughe tradiscono le preoccupazioni, le paure, le notti trascorse in bianco fissando il soffitto. Perché siamo esseri umani, con tutte le nostre debolezze. Le scelte non sono mai solo quello che rappresentano, sono sempre qualcosa di molto più profondo. Nessuna di esse è mai frutto di un impulso momentaneo, ma è quasi sempre il risultato di un percorso ben più complicato. Giudicare è più semplice. Nascondersi dietro a spettacoli preconfezionati lo è anche di più. Fingersi perfetti è l’antidoto a tutto. Ma credo che per scrivere si debba fare qualcosa di più, scavare dentro quelle ferite, completare le pagine lascia metà, sparare ai rimorsi, agli scrupoli. E costruire una barca per andare a recuperare quei sogni che sono naufraghi da qualche parte. 

Photo by Unsplash

Fiori sopra l’inferno, il romanzo di Ilaria Tuti

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Recensioni

Oggi come oggi è difficile trovare giovani autori di thriller con una marcia in più. Ilaria Tuti, quella marcia in più, ce l’ha. “Fiori sopra l’inferno è un romanzo” che tiene alta la suspence, pur entrando nella mente dei protagonisti con delicatezza. La narrazione è elegante e apparentemente “tranquilla”, ma è un inganno. La trama ha un’architettura ben studiata e si sviluppa con una maestria. Inevitabile non parlare della protagonista Teresa Battaglia e del suo collaboratore Massimo Marini. Lei è scorbutica, con un grande talento investigativo. Lui è alle prime armi, ma dimostra sin da subito di avere le carte in regola per supportare la protagonista, anche nella sua goffagine, riesce a essere decisivo. Ma quello che determina un’ombra che lentamente sulla vita dei protagonista è il male che ha colpito Teresa e che degenera giorno dopo giorno. É l’Alzheimer. Questo problema costringe la protagonista a scrivere gli appunti su dei fogli per non perdere di vista le informazioni trovate durante le indagini. Le ambienta riguardano scenari di montagna, in cui i personaggi sono molto chiusi e che sembrano tutti difendere il potenziale killer, tra stranezze e storie antiche, la storia svela il vero volto del paese e dei suoi abitanti. La montagna nasconde un segreto. Ed é inquietante. Lo si capisce sin dalla prima scena. Tra le montagne c’è un ospedale, nel quale c’è una stanza a cui solo poche persone posso accedere. E devono essere incappucciate. Inutile aggiungere ulteriori dettagli. Leggetelo.

“Il tempo qui ed ora”, il nuovo album di Andrea Lelli

Pubblicato il Pubblicato in Musica, Recensioni

Il nuovo disco di Andrea Lelli si chiama “Il tempo qui ed ora”, che è anche il nome del primo brano, una ballata decisamente attuale, musicalmente ben suonata e con una melodia accattivante. “Angelo mio” è una canzone leggera, in cui melodia ed elettronica si fondono, mantenendo un equilibrio che convince sin dal primo ascolto, caratterizzata da un’elevata qualità del testo, profondo ed equilibrato al taglio pop del brano. “La vita sai com’è” si contraddistingue per una miscela affascinante tra elettronica e un testo importante. Brano stilisticamente moderno, che allo tempo affonda le radici nella bellezza della musicalità italiana. “Il pittore” racconta la vita. E lo fa usando con maestria le metafore e appoggiandosi a una musicalità avvolgente e orecchiabile. “Fiori rotti” è una ballata dal sapore classico, ma dal suono radiofonico decisamente attuale, potrei sembrare ripetitivo, ma credo sia un concetto importante per quanto riguarda questo album. Ottimo suono. Elettronica. Testi importanti. Modernità, ma senza stravolgere la struttura classica. Il tutto miscelato con le giuste proporzioni. Per chi ama la musica italiana di qualità è un risultato da applausi. “Codice bianco” è un brano che riecheggia nel rock, affronta i momenti importanti della vita, delle attese, delle cose che, semplicemente, accadono. Un fermo immagine di noi, nelle sue sfumature, di come protendersi nei confronti degli eventi piú o meno importanti della vita. L’importanza di vivere il momento. “La tua strada” racchiude le parole sofferte consegnate a un figlio, tra quello che sei stato, che sei e che potresti essere. Perché lasciar andar un figlio sarà difficile, ma sarà la sua vita. E un genitore deve imparare sin da subito che non sarà mai pronto a quel momento. Gli errori, la fiducia, le scelte. Tutto è nascosto lungo quella strada da percorrere insieme. “Scale di grigi” è un brano particolare e raffinato, come camminare in bilico tra presente e passato, tra errore e fuga, tra lo restare insieme e non volerlo più fare. Quegli attimi che cambiano tutto, perché la vita è fatta di sfumature, tra il bene e il male. Tra l’io. E il noi. “Libero e senza filo” è una canzone che inneggia alla semplicità, alla purezza di un gesto di un bambino, un pensiero che può e vuole cambiare il mondo, liberarlo dal suo veleno. Librarsi in volo per poter guardare le cose da una prospettiva diversa. Più completa. E più libera, dove i fili muovono solo aquiloni. “Il nascondino delle parole” racconta i mondi in cui le parole si nascono, perché è sempre difficile dirle, perché le parole sanno fare male. Ma anche le parole non dette, i silenzi, possono ugualmente farne. Quelle parole urlate, senza pensare. Parole non calibrate, pericolose come proiettili vaganti. Quanto sono importanti le parole? Molto, a dimostrarlo sono proprio quelle usate nelle canzono di questo album. Storie che si rincorrono, un filo conduttore che lega frasi e parole. Il disco si conclude con una bonus track “Sotto e sopra il ponte”, un racconto di un passato che rimane impresso sulla pelle, l’anima. Il cuore. È un racconto che accompagna verso un presente che “quel ponte” lo ha visto crollare. E distruggere la vita di tante persone. È, però, anche il racconto di come una canzone che, la vita, può anche salvarla. “Il tempo qui ed ora” è un album completo. Elettronica, usata con intelligenza ed equilibrio. Suoni ricercati, affascinanti e stilisticamente raffinati Un grande lavoro che si cela dietro questi brani. Una ricerca interiore, ma che svela una grande professionalità e attenzione sia verso la musica, nella sua concezione più intensa, ma anche verso la sua evoluzione nel panorama musicale contemporaneo. Perché scrivere una bella canzone non è facile, lo è ancora meno farlo mantenendo il target musicale di oggi. Andrea Lelli lo ha fatto con maestria. Talento, professionalità, non mancano. E si sente. Disco consigliatissimo.