Raccogliendo il silenzio 

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Quanti ricordi, appesi qua e là.
Quante cose che potevano diventare.
Istanti, cercati in ogni luogo.
Ma la vita è un treno in corsa.
E fuori, vedo scendere la neve.
Lei, che copre ogni cosa.
Raccogliendo il silenzio.
Ovattato.
Feroce.
E mentre mi sento scorrere,
la sento.
La neve, mi nasconde.
E quanti ricordi, dentro di me.
Quante cose, potevo diventare.
Ma la vita è un treno. E ha corso.
Lasciando alle spalle tutto.
Paesaggi.
Delusioni.
Stazioni così fredde, da gelare il cuore.
Smetterà di nevicare.
Torneranno il sole, la luna, così come i ricordi.
E so di avere tutto quello che ho sempre cercato.

Impercettibilmente 

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Credo alle poesie che non sono mai state critte. Dalle mani stanche di chi la notte non può pensare. E raccoglie vite per strada. Dalle parole stanche di chi non ha più la forza per farlo. Dalle gambe tese perché è più importante scappare. Perché non è vero che il colore non conta. Di chi guarda un foglio bianco, i cui occhi sono immersi in un nuovo livido. E ha paura. Perché non è vero che si può sempre dire tutto quello che pensi. Di chi dorme. Ed é già molto, quando fuori riecheggiano boati. Di chi si é perso. Di chi fissa un muro, stringendo tra le mani un foglio, che sembra una condanna. Credo alle poesie, che solo gli occhi possono raccontare. Quando si abbassano, impercettibilmente. 

Lo spettacolo è qui

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Lo spettacolo è qui. Nelle parole sussurrate. Nelle battaglie che combatti fino all’ultimo. E che ti fanno vivere, anche se non le hai davvero vinte. Nelle luci degli occhi accesi. Nel guardarsi attorno e capire che si é camminato tanto. E forse per questo, a volte, si è stanchi. Lo spettacolo è qui. Nei giorni che costruiscono una storia. Un mondo, di vetro. Perché devi sempre nascondere quello che hai dentro. Il sipario sono il veleno. I riflettori, la speranza. In quel buio, tra gli spalti, c’è la tua vita. Ferma per un attimo. L’attimo di silenzio che precede lo spettacolo è una vita intera. Un treno che corre veloce oltre la stazione. Lo spettacolo è qui. Nei miei occhi, nei tuoi.

Ero solo un bambino

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie


Ero solo bambino. Guardavo quei dipinti appesi al muro. Affascinato, come solo un bambino sa esserlo. In quegli anni iniziavo a capire che si può fare anche quello che ti dicono di non fare. A quei tempi, dipingere era considerata solo una perdita di tempo. E, forse, è ancora così. Il coraggio che aveva mia madre di sfidare quei preconcetti mi spinse a scrivere. Ma per molti anni quel coraggio, io, non l’ho avuto. Così, ho nascosto parole su parole. Nel frattempo la vita attorno a me cambiava. Io, cambiavo. Costruendo muri spogli e castelli armati nei quali accrescere il mio cinismo. Ora so che quelle parole sono ancora chiuse in quel cassetto. A volte credo di averle dimenticate. Ma non è così. Vorrei solo avere il coraggio di aprire quel cassetto, capire che non sono più quel bambino. E che a quei dipinti ora posso dare una voce.

L’uomo che si fa chiamare uomo

Pubblicato il Pubblicato in Attualità, Pensieri, Poesie

L’uomo che si fa chiamare uomo.

Costruisce prigioni, senza sbarre.

Toglie la vita dagli occhi,

confinandoli nei lividi.

Coglie nel segno, sin sotto la pelle.

Perché la ferita è il gioco sottile.

L’uomo che si fa chiamare uomo.

È l’abile attore,  che sa fingersi vittima.

È il vile carnefice dalla lacrima facile.

La sinfonia venuta male.

La mano pesante, su una scusa leggera.

Ma tu non spegnerli i tuoi occhi.

L’uomo che si fa chiamare uomo

Dentro di loro leggerà di non esserlo.

Gelido

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

É un vento gelido,
quello che mi fa perdere l’equilibrio.
La dinamica dell’istante perfetto.
Il passo più lento,
per ritrovare il ritmo dei propri pensieri.
Guardare da lontano la scena.
Osservare gli sguardi degli attori.
Sentire il tessuto delle sedie in platea.
Vedo un mondo sanguinario,
chiuso tra quelle pareti.
Mentre io amo il vento.
Anche quando è gelido.

La giusta distanza

Pubblicato il Pubblicato in Pensieri, Poesie

Dalla giusta distanza,
la dimensione del mondo.
L’essenza e l’odore.
In fondo, alla stanza.
L’eco di una voce,
la necessità di urlare.
L’assenza e il sapore.
Demoni, vestiti di bianco.
Angeli, svestiti di anima.
Non esiste distanza,
né tempo.
Il mondo è relativo.
Come noi stessi.