#Labirinto #Ep9

Nelle puntate precedenti

Fabio è fuggito nel bosco, inseguito dalle guardie che avevano rapito anche Simona. Lo avevano sottovalutato perché soffriva di una patologia dello spettro autistico, ma lui ricordava perfettamente la mappa di quel bosco. Gli inseguitori non hanno tempo e decidono si dare fuoco al bosco.
Il nuovo capo del regime è pronto a decretare concluso il progetto di controllo totale.
In una clinica, il primario sta per dare il via allo spegnimento dei macchinari che tengono in vita un paziente. Quel paziente è Davide Porta. Un uomo che possiede l’unica soluzione per fermare il virus.

#Ep9

“Nel mezzo del cammino, mi ritrovai per una selva oscura. Che la diritta via, era smarrita”.

Ed era proprio quello il concetto che affioró nella mente di Fabio. L’inferno, così veniva chiamato dai ragazzini quel bosco, così fitto e inquietante.

Ma Fabio non aveva tempo per aver paura. Continuava a rimandare indietro il preludio di una crisi. La sua mente era sollecitata da troppo tempo. Il dottore lo aveva ripetuto più volte che nella sua condizione non si sarebbe dovuto esporre a situazioni simili. Ma quel bosco rappresentava il posto più sicuro in cui fermarsi per riposarsi e capire cosa fare. Ricordava bene la mappa di quel bosco, l’aveva vista su un libro.
Ci volle poco tempo per raggiungere il corso d’acqua che lo attraversava. Aveva sete. Si sentiva stranamente lucido. Si chiedeva fin dove si sarebbero spinti per stanarlo. Ma perché cercavano proprio lui? Un ragazzino autistico, insicuro e silenzioso. Non lo sapeva.
Iniziò a piovere e a tirare vento. Per lo meno in quella situazione non avrebbero mandato in giro droni per la ricerca termica. Questo gli concedeva un po’ di tempo.
Cercò di riprendere il controllo della sua mente, ma non era semplice. Sentiva che stava per perdere il controllo. La sua mente era un sistema delicato e in precario equilibrio. Sapeva che avrebbe iniziato a gridare a colpire oggetti con violenza e non ci sarebbe stato nessuno a placarne gli effetti. E in più avrebbe sicuramente attirato l’attenzione. Si fermò accanto al corso d’acqua che si stava man mano riempiendo grazie alla pioggia che continuava a scendere copiosa. Gli tornò in mente la mappa del bosco. Una leggenda raccontava che quel bosco era stato il rifugio segreto di una nobildonna del medioevo. Sentiva la crisi arrivare. E c’era qualcosa che la sua mente stava captando. Odore di Cherosene. Un liquido infiammabile. Non sapeva che la sua fosse solo una fantasia deviata, ma iniziò a credere che fossero pronti a dare fuoco al bosco. A dargli la certezza furono gli animali correre impazziti. Doveva ricordare in fretta alla mappe e a un luogo sicuro in cui nascondersi.

Sala operativa Lmds

A che punto siamo con la rimozione dei soggetti che non rispondono alla cura?
A buon punto. Mancano soltanto pochi elementi.
Benissimo, come procedere il monitoraggio dello sviluppo del virus?
Siamo al 90%. Superata la soglia del 95% il processo potrà considerarsi irreversibile.

L’imperatore sorrise. Nessun ostacolo lo avrebbe fermato nella corsa del primo Impero della nuova era. Quella tecnologica. Era in cui il cervello può essere riconfigurato come una qualsiasi periferica. A lui era bastato il segnale della Macchina del Silenzio. Un segnale in grado di modificare il funzionamento dell’amigdala. La parte del cervello che processa le informazioni in ingresso al cervello. E il tutto grazie a un modello numerico che gestiva il flusso di frequenze da diffondere. Idro3. La sua era una macchina perfetta.

Clinica 02.
“Preparate il protocollo di sedazione del soggetto della stanza 13”, ordinò il primario.
“Come vuole”, rispose il medico.

Nella stanza 13 c’era il corpo di un uomo di cui non si conosceva l’identità. Nessun parente aveva denunciato la scomparsa. L’unica particolarità rilevata dallo scanner celebrale era una leggera anomalia.

Intanto, nel bosco, le fiamme si erano alzate in cielo nonostante la pioggia. Il bosco sembrava un’immensa cattedrale di fuoco. Dall’unico lato non attaccato dalle fiamme uscivano animali spaventati. I soldati aspettavo con pazienza che sbucasse il ragazzino.

Ma Fabio stava per morire soffocato e le ferite che si era procurato con l’ultima crisi gli rendevano difficile ritrovare la lucidità. Vide un masso e in quell’istante immaginó la nobildonna che per raggiungere in sicurezza quel luogo utilizzava un antico tunnel. Si mosse a tentoni verso il lato nascosto del masso e intravede un varco. Forse quella leggenda non era solo frutto di fantasia. Così Fabio si immerse nel buio.

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca

#Labirinto #Ep9