Irraggiungibile

La serratura scatta,
anche stanotte sarà ubriaco.
Copriró i miei occhi di ghiaccio.
Io, l’immensa forza che spaccio,
in dosi misurate.
Perché durino una vita intera.
Io, che urlo, mentre taccio.
In mezzo a un temporale,
nello sporco che non so raccontare.
Nella voglia di rialzarmi,
quando mi sussurra che non ce la farò.
Nel tempo in cui mi nascondo,
perché siamo quello che gli altri non vedono.
Volevo essere altro,
ma cosa vuol dire.
La vita consuma,
sfuma le sue passioni.
Fuma le ossessioni,
ci lascia qui a osservare una luna,
suadente, ingannevole.
La serratura scatta,
anche stanotte troverò un posto dentro me.
Irraggiungibile.

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca