#LabirintoL'equazione - Il thrillerLa Macchina del SilenzioNarrativa

Labirinto – Ep14

Nelle puntate precedenti:

Labirinto – #Ep1 – #Ep12

Labirinto – Ep13

 

#Ep14

Davide aveva rubato del cibo da un supermercato, facendo attenzione a eludere le telecamere di sorveglianza, poi si era recato con Fabio in un bosco poco lontano dalla zona abitata.
Aveva bisogno di riflettere sul da farsi. Qualcosa nella sua memoria stava tornando a galla. L’ultima immagine che ricordava prima del coma era il rosone di una chiesa. La Cattedrale di Chartres. Ricordava di aver parlato con qualcuno poco prima e di aver scoperto qualcosa di importante. Gli sembrava di aver perso conoscenza per un motivo ben preciso. Qualcosa che in un istante gli aveva fatto perdere conoscenza. I suoi ricordi erano confusi e non riusciva a ricordare.
Suggerì a Fabio di riposarsi per poi sfruttare le ore notturne per muoversi.
Davide riusciva a percepire il movimento di droni ed elicotteri che scandagliavano la zona e sapeva che prima o poi li avrebbero individuati, perché due sorgenti di calore ferme nel bosco non potevano che attirare l’attenzione dei sensori di rilevamento di temperatura.
Era solo una questione di tempo. E sapeva di averne poco. La sua mente però era come immersa in una nebbia intensa. I pochi ricordi si stavano materializzando nella sua mente, ma troppo lentamente.
Chiunque fosse Fabio, sapeva che aveva corso dei grossi rischi per salvarlo. E non poteva metterlo ulteriormente in pericolo.
Si soffermò a guardare un’antenna montata sulla cima della collina che sovrastava il paese. Si soffermò a osservarla. Non era particolarmente grande, ma sembrava essere stata realizzata da poco.
Si voltò e vide che Fabio in quel momento stava ancora dormendo. Decise di salire in cima per vederla da vicino. Era ancora molto provato e non fu facile raggiungere la cima della collina, teneva sotto controllo la posizione dei velivoli in lontananza.
L’antenna era molto più grande di quanto sembrasse dal punto in cui l’aveva vista e sembrava costruita con una tecnologia molto moderna, sia per il materiale con il quale era fatta, sia per la forma. Alla base dell’antenna c’era un piccolo fabbricato che probabilmente fungeva da centralina di controllo, ma non vide alcuna porta di accesso e nemmeno indicazioni particolari.
In quel momento notò una lucina, pensò a un riflesso, ma si rese conto che si trattava di una microscopica videocamera di sorveglianza.
Si scostò dalla visuale della camera e scese verso il paese, ma sentì il rumore di un elicottero che si avvicinava velocemente. Pensò a Fabio, a come avrebbe potuto fare per metterlo in salvo. L’elicottero arrivato sopra di lui e qualcuno dal suo interno gli stava intimando di restare con le mani alzate. Si guardò intorno. Non aveva modo di scappare.
Guardò il punto in cui Fabio stava riposando. Vide degli uomini in divisa che lo stavano raggiungendo.
Fabio si svegliò all’improvviso. Sentì dei rumori provenienti dalla boscaglia, si scorse per vedere meglio. Erano uomini vestiti di nero che indossavano qualcosa sugli occhi. Riconobbe i visori che quegli uomini indossavano. Li aveva visti nei videogiochi, servivano a rilevare la presenza di forme di vita. E questo voleva dire soltanto una cosa. Li avevano trovati.
Si mosse velocemente, salendo versò la cima della collina. Sentiva alle sue spalle il rumore della squadra che irrompeva nel punto in cui fino a pochi secondi prima era nascosto. Avrebbe voluto avere qualche vita in più, ma quella era la sua vita e non un videogioco. Quindi salì lungo il versante della collina, ma si fermò qualche metro prima di raggiungere la cima.
Vide Davide che veniva spinto da un uomo con viso glaciale a salire a bordo di un elicottero.
A quel punto tutto diventò nero.
La crisi piombó su di lui all’improvviso.
E iniziò a urlare e a correre in direzione del velivolo.

#labirinto