Il teatro è una questione di prospettiva

Il teatro è pur sempre una questione di prospettiva.
L’attore che osserva il pubblico,
il regista,
chi muove le luci,
l’ubriaco in ultima fila che cerca il cesso.
La vita è nei suoi scenari,
nelle bottiglie di birra,
buttate giù per dimenticare.
Nelle notti passati in bianco,
perché tuo figlio non ne vuole sapere di dormire.
Nelle parole che volevi scrivere,
ma non ne hai avuto il tempo.
Il teatro è lo spettacolo che finisce,
la gente che esce dalla sala.
È l’ubriaco che si risveglia
E vede aprirsi la porta del cesso.
È chi luciderà il palcoscenico,
sperando in un rinnovo di contratto.
È l’amore maldestro di due amanti,
che scappano via dal bagno,
sicuri di non essere stati visti.

Photo by Unsplash