Chi ero

Chi ero,
quando la strada era immersa nella nebbia.
Nel dubbio, di essermi perso.
Nelle notti, tra anime e rabbia.
Alla ricerca di un mondo diverso.
Che poi, non cambiava mai.
Chi ero,
Nelle sfumature di uno specchio,
che scandisce come un metronomo, il tempo.
E il vento che soffia, nei miei occhi.
E la speranza, solitaria, non ha scampo.
E lo sai, che non muore mai.
Ma ti trasforma,
ti rende più cinico
Ed è per difesa, ti racconti.
Che è necessario, ti convinci.
La verità tu la conosci.
È chiara.
Lampante.
Trasparente
Il mondo è un bosco, di notte pieno di bestie.
E non lo cambierai tu.
Per questo, prima o poi,
devi imparare a difenderti.
Chi ero, non lo ricordo.
Ma so chi sono.
Ed è questo, tante volte,
a farmi davvero paura.

Photo by Unsplash
Text by Daniele Mosca