Youtuber sull’orlo di una crisi di nervi

Youtuber sull’orlo di una crisi di nervi. Questo è quello che emerge dalle ormai continue lamentele delle star del web, secondo le quali le visualizzazioni starebbero scendendo e che pertanto significherebbe la fine delle piattaforme. Non dei loro contenuti, delle piattaforme. Il fenomeno youtuber è diventato importante negli anni a tal punto che diversi personaggi sono nati e cresciuti radunando milioni di follower. Nel tempo, però, anche la rete è cambiata, le piattaforme hanno attuato strategie di marketing che non hanno più premiato gli stessi meccanismi virali dell’inizio, bensì quelli a pagamento. E in fondo lo sappiamo, i social per molte cose non sono gratuiti. Quindi capisco la delusione e preoccupazione di questi personaggi che vedono frantumarsi un lavoro enorme fatto giorno dopo giorno. Credo allo stesso tempo sia un approccio presuntuoso ritenere che nessun altro possa entrare in concorrenza con chi ha ottenuto un posto di rilievo su uno dei portali di riferimento, youtube compreso. Assistiamo così alla corsa alla conquista del pubblico di altre piattaforme, oggi Instagram su tutte, ma questa corsa all’oro sembra già vana. Anche le star di instagram già si stanno lamentando. Io credo che i social ci stiano facendo diventare tutti dei rincoglioniti assetati di conferme. O forse lo siamo sempre stati, forse siamo noi quell’esercito di manipolati da una nuova forma di controllo. Oppure, più semplicemente, il nuovo prodotto che le multinazionali hanno vendita è proprio: visibilità. E mi sembra assurda ogni polemica, la pubblicità ha sempre avuto un costo per ogni attività, perché la rete dovrebbe esserne esente? Ma soprattutto perché solo alcuni utenti dovrebbero poter detenere un potenziale pubblico di riferimento gratuitamente?

Photo: https://unsplash.com/@seemurray