Uomini che restano, il nuovo romanzo di Sara Rattaro

Le storie di Fosca e Valeria si incontrano e intrecciano, mettendo in luce le vite di due donne fragili, ma allo stesso tempo forti. Il loro incontro avviene per caso, ma le unisce in modo indissolubile, perché entrambe stanno vivendo un momento complesso. Valeria ha appena scoperto una verità sconcertante su suo marito, Fosca sta vivendo una guerra da sola, perché suo marito ha scelto di non condividerla con lei, ma di costruirsi una nuova vita con un’altra donna. Il tema principale di questo romanzo è il rapporto tra la donna e l’uomo, ma è anche molto di più. È un racconto che, come è solita fare Sara, entra senza mezze misure nell’anima dei suoi protagonisti e allo stesso tempo di tutti i suoi lettori. Racconta le dinamiche delle verità nascoste, delle incomprensioni inevitabili, dei segreti che compongono tante volte i rapporti, tanti ingredienti che sembrano lontani, ma che fanno parte semplicemente della vita. Impossibile non innamorarsi delle protagoniste di “Uomini che restano”, perché è così che si chiama questo romanzo. Una metafora che racconta molto di più di un semplice concetto, parla del coraggio di una scelta, anche quando è sbagliata, o lo è per il mondo intero. Perché quando ci si guarda allo specchio, spesso si è soli. E si deve reagire agli eventi della vita. Bisogna lottare. Ma quando non si è soli, diventa più semplice. Quando due storie si incontrano, quando le vite di due protagoniste si intrecciano, nasce un mondo parallelo, un’energia nuova per affrontare se stessi e il futuro. Uomini che restano è il mondo di una figlia e il padre, una moglie e suo marito, una donna e i suoi segreti, i suoi sentimenti. E i suoi sogni. È il mondo che ci circonda e quello che siamo davvero. Un bel romanzo di Sara Rattaro, un’autrice che non ha bisogno di presentazioni.