Recensioni

Parliamo di: Sospetti sul lago, il romanzo d’esordio di Anna Serra

Il romanzo “Sospetti sul lago” di Anna Serra è intenso, scorrevole e ricco di momenti evocativi. La protagonista è una psicologa, Rossella. La sua è una storia apparentemente non appassionante, a tratti noiosa, eppure racconta la vita di una donna nella sua interezza, nelle passioni perse, nei desideri di trasgredire a un sogno che non c’è più. Parla di un amore lontano, anche quando è vicino. Un dolore muto, che diventa quotidianità. Logorio di parole che non vanno da nessuna parte. Il vortice della solitudine che spinge a guardarsi dentro, forse cercando altrove. Rossella è una donna che con il suo lavoro aiuta gli altri, ma che si ritrova a doversi rialzare da un evento che cambierà la sua vita. Il sospetto travestito da paura. La paura celata negli occhi. “Sospetti sul lago” è una storia-non storia. E’ il racconto della vita stessa e della sua contraddizione. E’ l’amore-non amore. Il quadro che nasconde il contenuto alla sua stessa cornice. L’ambientazione è quella dei laghi di Avigliana, un luogo che porta con sé il mistero e la bellezza, la poesia e il silenzio. L’esordio nel panorama letterario di Anna Serra è senza dubbio positivo. Un romanzo che racconta l’ombra del sospetto, il sapore di un amore dalle due facce e l’incedere del cambiamento. Occhi che si coprono e si scoprono, capaci di tutto. Anche di tradirsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.