Come è nata l’idea della Macchina del Silenzio

Avete mai osservato la cronaca geopolitica che ogni giorno piomba su di noi da più punti di vista? Tanti personaggi, dinamiche diverse e complesse, interessi, ruoli che cambiano. In tutto questo la rete che si sviluppa a sua volta fagocitando tutto e osservando ogni cosa da un luogo privilegiato. Orwell aveva pensato al Grande Fratello, ma spesso la situazione sembra ben più complessa e spietata. I meccanismo di conformazione delle masse sono silenziosi e non lasciano traccia. Questo è il mondo di oggi, con buona pace dei complottisti, che sono rimasti un passo indietro. La verità è che questi meccanismi esistevano, seppur con tecniche e tecnologie diverse, anche nelle società più antiche, fino ad arrivare ai sistemi di controllo del consenso nei regimi, poi ereditati dai servizi segreti di tutti i paesi del mondo. Cambia il modo di gestire l’informazione, non l’esigenza di controllarla. Sono questi i temi che mi hanno spinto a scrivere #LaMacchinadelSilenzio. La necessità di capire e immaginare dove potrebbe portarci.