Recensione romanzo “Io uccido” di Giorgio Faletti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Narrativa, Recensioni

Molte recensioni di questo libro premettono ciò che Giorgio Faletti è stato, io non lo farò. “Io uccido” è un romanzo d’esordio e che racconta senza ombra di dubbio una bella storia, e non è poco, in cui ci si può affezionare ai personaggi, come al protagonista Frank Ottobre con il suo passato burrascoso, al commissario Hulot e alle vittime, già, proprio a loro. Perché questa storia parla di omicidi efferati e particolari, firmati da una mente malata. Da un killer. E’ una corsa contro il tempo, veloce, alla ricerca delle tracce lasciate da un assassino non convenzionale. Tutto inizia con una telefonata in diretta alla trasmissione di successo di Radio Montecarlo “Voice”, condotta da Jean-Loup Verdier, e con quella voce che appare inquietante sin dalle prime scene che sussurra “io, uccido”. La trama è ben costruita e i colpi di scena ottimamente orchestrati. L’autore si sofferma molto sui particolari, ricostruendo gli ambienti minuziosamente, da un lato è un pregio, dall’altro rallenta un po’ la narrazione. In ogni caso le scene scivolano via fluide, verso un finale rocambolesco e pieno di sorprese. Come ogni storia che si rispetti, non possono mancare i sentimenti, la trasformazione di uomo, che alla fine di questo romanzo, appare come ritrovato e parlo del protagonista, l’eroe, Frank Ottobre. Si tratta di un thriller da leggere, piacevole e dinamico. Un ottimo esordio di questo autore, con una sceneggiature che ben si presterebbe alla realizzazione di una pellicola cinematografica.

Recensione romanzo “Bambino 44” di Tom Rob Smith

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Narrativa, Recensioni

Il thriller “Bambino 44” di Tom Rob Smith racconta una storia veloce, intensa e a tratti agghiacciante. Il protagonista di questo romanzo è Leo Stepanovic Deminov, un agente dell’MGB che crede nel suo stato, a un’Unione Sovietica vittima del regime staliniano. Lo si incontra nel pieno delle sue attività, durante un lungo inseguimento che termina con l’arresto di una presunta spia e quando viene incaricato di sorvegliare la moglie, anch’essa accusata di spionaggio. In un sistema in cui la giustizia è sommaria, basata sull’indice puntato e in cui per essere definiti “buoni cittadini” è necessario far condannare parenti e vicini di casa, il protagonista capisce che la realtà è diversa da quella che gli hanno insegnato. Messo alle corde da colleghi perfidi, viene relegato ai margini della sua vita, ma non smette di indagare su un caso di omicidio di un bambino, fino a scoprire che quella che lo stato venera come una verità, è in realtà la peggiore delle menzogne: “L’omicidio non esiste, è un’invenzione dell’occidente.” Ritmo e sentimenti si intrecciano in una corsa contro il tempo, dove la vendetta e la verità si scontrano fino all’ultima scena. Leo è l’emblema di una nazione, la sua trasformazione è la speranza stessa della vita e la forza trascinante di questa storia, dove il cacciatore diventa preda, costretto a fuggire, a nascondersi e per salvare la sua famiglia, la verità su un serial killer e su se stesso. Lo scrittore ha esordito con questo romanzo, guadagnando consensi, questa storia, infatti, diverrà un film diretto da Ridley Scott. Avvincente e forte, un romanzo da non perdere.

Recensione libro “Ancora io – Left Neglect” di Lisa Genova

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Narrativa, Recensioni

Lisa Genova ha una particolarità: sa toccare le corde scoperte dei suoi lettori. Ho avuto questa sensazione già leggendo “Perdersi” ma con questo nuovo libro “Ancora io – Left Neglect” ne ho la certezza.

La storia di Sarah Nickerson, brillante donna in carriera, vice dirigente del personale di una grande azienda di consulenze, che diventa vittima di una patologia chiamata Left Neglect a seguito di un incidente stradale e che non permette al suo cervello di riconoscere tutta la parte sinistra del suo corpo è emozionante. Lisa Genova racconta la vita della protagonista, del rapporto con sua madre e i suoi figli, dei cambiamenti, della terapia e soprattutto della trasformazione che le permette di ritrovare la sua vera vita e il suo vero istinto, nascosto dietro una vita di impegni e di lavoro.

“Ancora io” è un bel romanzo, commovente, ricco di vita. Una storia che permette di guardarsi dentro e di emozionarsi. Una tecnica avvolgente e che sa tenere compagnia e allo stesso tempo di far riflettere, mettendo a nudo aspetti della vita che spesso tralasciamo. Spesso le cose sono davanti a noi, solo che semplicemente non le vediamo. Questo è ciò che questa autrice riesce a comunicare grazie alle sue parole che legano bene la conoscenza delle patologie di cui racconta a una brillantezza che esplode in una scrittura che cattura.

Dopo “Perdersi” “Ancora io” aggiunge un altro tassello alla bravura di Lisa Genova che spero di leggere ancora con un nuovo romanzo. Una bella storia, un’ottima lettura.

Non avrai altro dio all’infuori di me

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Narrativa

Claudia riapre gli occhi e ogni arto è intorpidito. Mentre la vista le ritorna nitida si accorge che al posto delle mani e dei piedi ha dei monconi. Prova ad alzarsi ma è legata a un tavolo. Intorno vede persone incappucciate vestite con tuniche nere. Una voce intona una nenia che le sembra in latino. Quelle inquietanti figure le si avvicinano. Lei urla mentre le toccano il corpo nudo.   

Uno di loro inizia a penetrarla, ignorando le grida, le lacrime e il rivolo di sangue che scivola sul tavolo. Lo guarda dritto negli occhi, e lo riconosce. Lancia un gemito, soffocato. Le aveva parlato tante volte delle sette sataniche, dei loro riti di purificazione.

Quell’uomo, suo zio, il giorno prima l’aveva portata a visitare una chiesa di Torino, la Gran Madre. Le torna in mente la domanda che lui le aveva fatto sul sagrato: “Claudia, ma tu, sei ancora vergine?”. “Ma che domande mi fai? Comunque sì”, aveva risposto, arrossendo. “Molto bene”, aveva risposto lui, celando un ghigno con la mano.

Quella era l’ultima cosa che ricordava.  

La cera bollente che le versano addosso la riporta alla realtà. Il canto degli adepti sale d’intensità e nella sala entra un uomo vestito con una tunica rossa. Regge un vassoio. Lo appoggia sull’altare a pochi metri da Claudia. Lei guarda con orrore e urla. Non sembra neanche una voce umana. Lui prende con avidità, dal vassoio, la mano della ragazza, e inizia a sbranarla sputando ossa e nervi. Al banchetto si uniscono anche gli altri: i suoi arti vengono mangiati in pochi minuti. Lo stupro riprende. Claudia ormai non urla più. Guarda un angelo raffigurato in un affresco e, per la prima volta nella vita, prega. Bisogna credere in qualcosa, le diceva sempre lo zio. I suoi occhi si spengono mentre guarda l’immagine di Satana sull’altare e una lama le trafigge il corpo per asportarle il cuore: al maestro piace mangiarlo ancora caldo.

Punizione divina

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Narrativa

Signor giudice, voglio raccontarle la verità. Sono un infermiere e già dal primo prelievo di sangue ho capito quanto godessi nel farlo. Mi eccitavano quei vasetti pieni di vita, solo a guardarli. Ma gl’incubi sono iniziati quando ho letto quel libro. La notte mi svegliavo sudato, urlavo. Vedevo fiumi di sangue che scorrevano di notte, e di giorno vedevo rosso ovunque. Giudice, è pericoloso quel libro! È lì che ho capito quale sarebbe stata la mia missione. Una ragazza conosciuta in un bar fu la prima a essere immolata per il mio sublime piano. Una volta a casa deposi quel corpo caldo nella vasca. Giudice, non immagina come un corpo deperisca, istante dopo istante, fino a diventare bluaceo. Dopo un’ora era smunta. Sa quanto sangue c’è in un essere umano? L’otto per cento del peso corporeo. Me ne serviva tanto. Qual è colui che suo dannaggio sogna, che sognando desidera sognare, sì che quel ch’è, come non fosse, agogna?  E’ vero, non avete mai trovato i corpi. Le dirò dove sono: in una fabbrica abbandonata, nell’ex sala macchine, ci sono le botole dei pozzi che portavano acqua alle vasche; sono lì, potete controllare. La cella frigorifera dell’ex sala mensa divenne il mio deposito. Volevo creare il mio gioiello, e lavorai notte e giorno. Non sa quanto sia stato emozionante vederlo all’opera. Scelsi la mia prima vittima nel quartiere più degradato della città, frequentato solo da balordi e violenti. Dopo qualche ora quel bastardo si risvegliò appeso per le braccia a un cavo d’acciaio. Calai lentamente il suo corpo con l’argano, lungo la proda del bollor vermiglio, dove i bolliti facieno alte strida.

Il suo urlo riecheggiava nella sala mentre il bruciore lo assaliva, prima ai piedi, poi le cosce, fino al pube. Non riuscivo a trattenere la mia eccitazione quando il fiume di sangue fumante lo inghiottì. La divina giustizia di qua punge, quell’Attila che fu flagello in terra e Pirro e Sesto; e in etterno munge. Conosce l’Inferno, Giudice?