Presentazione L’Equazione e Anna su Radio Flash

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in L'equazione - Il thriller, Musica, Presentazioni

Stasera sarò in onda su Radio Flash (97.6 fm a Torino e in streaming sul sito http://www.radioflash.to/) per presentare “L’equazione”, il singolo “Anna” e le attività di Causaedeffetto.it!

Non mancate!

Aggiornamento: Per chi ha perso la puntata, ecco dove trovare il podcast di Radio Flash http://www.radioflash.to/podcast/

Anna – L’ultima canzone

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Musica

Questa è la mia ultima canzone, differente dalle precedenti anche grazie alla collaborazione di Claudia Salvalaggio (è nata da un suo racconto e trasformata con il suo aiuto in una melodia e un testo adattato), di Fabrizio Tonus (che ha suonato la chitarra elettrica e fatto mix/master e tutte quelle cose strane necessarie per ottenere un buon audio) e a Rossella Penserini (che mi aiutato nell’adattamento del testo e facendo i cori).

Il tema è certamente difficile, ma importante. Non mi dilungo in presentazioni, ascoltala..e spero che vi piaccia!

Recensione concerto dei Ri-Cover @Cortile del Maglio, Torino

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Musica, Recensioni

Ci sono cose che possono essere definite soltanto con un nome e quello che può descrivere la musica dei Ri-Cover è uno: rock. La nuova formazione del gruppo propone una musica trascinante e ritmata, che parte dalle canzoni italiane degli anni ’60 e le trasforma in qualcosa di diverso, di esplosivo, così “Nessuno mi può giudicare”, “Cuore matto”, “Amore disperato”, “Eppur mi sono scordato di te” e “Se bruciasse la città” , che sono di per sé la storia della musica italiana, diventano bombe di musica, facendo cantare, gridare e ballare. Questa è la forza dei Ri-Cover. Parliamo ora dei musicisti di questa band. Spicca il ritmo indiavolato del batterista Alex Nicoli, preciso e determinato, e del basso di Seba, attento e puntale. Come non citare l’eleganza graffiante e il tocco magico del chitarrista Giorgio Josh Angotti. C’è anche una voce? Eccome se c’è, ed è quella diClaudia Salvalaggio, artista poliedrica che sa regalare sprint e ironia, divertendo con siparietti con siparietti surreali con Josh e gli altri musicisti. Claudia grida, sussurra, ammalia. Direi che senza ombra di dubbio i componenti della band hanno la musica nel sangue e un’energia che esplode nella potenza del suo incedere. Non è mai facile ri-arrangiare pezzi italiani e si corre sempre il rischio di intraprendere strade sbagliate, ma i Ri-Cover hanno trovato quella giusta, stravolgendo canzoni e arricchendole di sonorità moderne, con variazioni intriganti e affascinanti, il tutto con un’attenzione che deriva dalla passione per la musica, che si sente in ogni nota suonata dai quattro artisti. Spero di poterli ascoltare ancora, poiché questa prima esibizione è stata convincente e ha mostrato capacità musicali non indifferenti e una miscela di bella musica, potenza e fantasia. Da riascoltare molto volentieri.

Recensione “Nella stanza degli specchi” di Valentina Amandolese

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Musica, Recensioni

Le sue canzoni sono rock e melodica poesia ammaliante che come unghie taglienti lasciano il segno. Valentina aggredisce con la sua voce roca, dura e accattivante che vola su una musicalità suadente densa di sapori. C’è una miscela strana in questi pezzi, che viaggiano tra la tradizione e l’innovazione, tra giorno e notte più scura. Come due identità che si uniscono in una sola realtà Valentina riesce a raggiungere un equilibrio che le consente di far ascoltare delle canzoni originali e intriganti. “Cosmico blu” è un pezzo ritmato e graffiante, ottimamente suonato. “Stringi i denti Valentina” si rivela invece una canzone che parla all’autrice come da un luogo distante, misterioso, in bilico tra identità e dimensioni diverse. Molto bello il finale quasi mistico. In “Imago” Valentina quasi balla tra le parole e la musica, come nutrita da una leggera insolenza, che rende la canzone avvolgente, in una metrica particolare e intrecci di parole ben studiati, così come accade in “Osmosi”. La cover di Jimi Hendrix “Bold as love” ha un sapore internazionale, non solo per la lingua, ma per il suono delle chitarre e dell’atmosfera che con la voce di Valentina riescono a creare. Partire, cambiare, tornare alla vera anima è ciò che si percepisce ascoltando “Nessun biglietto per il mare”. Come lo specchio che tradisce difetti, come l’immagine sfocata disegna l’essenza della sua verità in “In terza persona” l’autrice scruta luoghi sconosciuti o forse conosciuti troppo bene per poterli capire davvero. “Lo stesso viaggio” è criptica e ipnotica, un canzone che fa riflettere e soffermarsi sui più piccoli dettagli. “Nella stanza degli specchi” è indubbiamente un album interessante, ricco di sfumature e lati da scoprire. Si percepisce personalità, forza e determinazione. Carisma. E’ un album che merita di essere ascoltato con pazienza, che ha bisogno di arrivare in fondo. Un bel disco.

Recensione “Oro” di Emme Stefani

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Musica, Recensioni

Il disco “Oro” di Emme Stefani è molto orecchiabile, abile miscela di pezzi tra elettronica e melodie attraenti. “L’unica semplice cosa che voglio” è una canzone dinamica che sembra sfociare in un hip-hop interessante che ricorda quello proposto dai primi “Sottotono”, pur mantenendosi nei canoni del pop contemporaneo adattissimo al mercato radiofonico. “Mondi” è un pezzo che coccola e rilassa, con un testo semplice e una musicalità che può affascinare. “Il campo di camomilla” è più lenta delle altre due tracce, ma racchiude i principi essenziali della musica moderna italiana. Le canzoni proposte regalano atmosfere piacevoli e che come luce soffusa sanno creare un ambiente fresco e scenografico allo stesso tempo. E’ indubbiamente musica giovane, che può toccare le corde di un pubblico più giovane, ma allo stesso tempo uscire dalle casse dell’automobile di uno più adulto, rilassando magari dallo stress del traffico. Le canzoni sono senza dubbio belle da ascoltare e rimangono in mente. E’ bello immaginare anche lo sviluppo delle capacità di questi artisti, poiché migliorando le basi, distanziandosi dall’elettronica, potrebbero senza dubbio regalare altre bellissime canzoni, magari con assoli suonati e ritmi meno chiusi nei binari della musicalità elettronica. Questo è solo un pensiero ovviamente, la musica è musica e come tale deve regalare emozioni e queste canzoni hanno le carte in regola per farlo. Attendiamo i prossimi lavori.

In collaborazione con causaedeffetto.it

Appunti su “Non smetterai” dei Lyr

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Musica, Pensieri

Ci sono canzoni che ti cambiano, che fanno breccia in luoghi nascosti dell’indole di ognuno di noi. Alcune le senti per caso, altre le senti nascere. Ed è il caso di “Non smetterai” dei Lyr. Ricordo i primi accordi suonati con la chitarra dall’autore Fabrizio Tonus, che con il tempo ne ha migliorato i contorni e  smussato gli angoli, con Mattia Bozzola e con la collaborazione di Andrea Pioli, fino a dare vita a quella che adesso è una vera e propria creatura con una sua dimensione e un proprio corpo. Come nasce una canzone e come questa può giungere ai sogni delle persone, fino a sfiorare gli angoli più bui dei ricordi, è un mistero. Forse esiste una forza magnetica che le regala la vita, il respiro, o forse è la voglia di parlare, di raccontare, ciò che la muove. Come uno spettacolo di suoni, luci e ombre, “Non smetterai” riesce colpire al centro. Nella sua semplicità parla di un addio senza rancore, ma nella sua traccia nascosta racconta di come un sentimento cambi, si trasformi. Nella storia della musica ci sono tanti esempi di canzoni d’amore esasperate, urlate. Rabbiose. Mentre il testo di questa canzone è dolce, a tratti malinconico, eppure graffiante. E’ passato tanto tempo dalla prima versione di questa canzone. Tante cose sono cambiate. Resta quel soffio, quella brezza che nasce dal mare, tra i colori sfumano sempre più nel rosso di una sera fragile, un’isola, piccola e quasi indifesa di fronte alla potenza delle onde. Una lacrima che diventa pioggia, lucida e imponente. Una sera tiepida che si trasforma in gelo, per poi tornare a far fiorire un attimo all’alba del giorno seguente. Tutto questo è “Non smetterai.”

Recensione “Niente di importante” di Marco Masini

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Musica

Il tempo ha le sue parentesi che come nuvole in un cielo azzurro si muovono e cambiano. Così il nuovo disco “Niente di importante” di Marco Masini rivela una nuova maturità e una nuova mentalità che non dimentica le sue origini. Lo si può capire sin dal primo pezzo “Non ti amo più” che racconta della voglia di non urlare un sentimento che ormai si è trasformato in qualcosa di diverso. “Fino all’ultimo minuto” riprende invece le sonorità e le melodie delle produzioni più recenti, mentre “Il buffone del momento” ricalca una musicalità più moderna e attuale pur mantenendo l’intensità delle canzoni più profonde e spicca in questo album. “Colpevole” è una ballata diretta e orecchiabile, così come lo è “Principe azzurro” che svela il Masini che ha sussurrato “Cuccioli” e “L’uomo volante” in tempi non troppo lontani. “Niente di importante” è la canzone che regala il titolo all’album e contiene il messaggio trainante del disco e di cui ho parlato all’inizio di questo testo, quello che era rabbia, “malinconoia” è diventato una nuova vita, ricca di colori senza dimenticare il graffio della voce e dei testi tipico del cantante toscano. “L’amore si ricorda di te” parla di un sentimento comune, soprattutto in questi giorni che a volte si dimostrano grigi e in cui si deve lottare, e spesso, forse troppo spesso, ci si dimentica di quelli che sono i valori più importanti. “L’eterno in un momento” è una poesia raccontata nella fragilità di una sera in cui si vuole rivelare qualcosa di se stessi: l’anima. “Resta ad un passo” è una canzone indubbiamente bella e che in se rivela le caratteristiche più importanti che Marco Masini riesce a comunicare, c’è una realtà conosciuta e allo stesso sconosciuta in questi versi che sembrano a tratti liberarsi in un volo leggero. “Marco come me” chiude il disco con parole introspettive che puntano i riflettori non più sul cantante, autore spesso criticato, a volte odiato, ma da moltissime persone amato, ma sull’uomo che si nasconde dietro quella maschera che ogni sera viene svelata sul palco e tra i versi delle canzoni. Come ogni finale che si rispetti c’è una macchina che va via nella notte, verso altre storie, altre canzoni, altre  emozioni che Masini mai ha smesso di dare, sin dai momenti migliori e superando quelli più oscuri per poi tornare brillante e con i sogni pieni di cosa da raccontare. Ci si aspetta sempre molto da uno come lui e questo è un bel lavoro senza alcun dubbio. E’ lecito a volte ripensare allo stile più forte di una volta, ma forse è giusto così, il tempo ha le sue parentesi e queste sono aperte su un cielo sempre azzurro ma senza più nuvole.

Recensione concerto di Zibba @ Fiumana – Parco Michelotti (Torino)

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Musica, Recensioni

Ci sono cantautori e cantautori. Zibba sa inventare una realtà capace di unire la tradizione della musica leggera italiana con la novità, regalando sempre emozioni pulite, vere e appassionate. Quando i versi sono la miscela esplosiva che si avventura nella ricerca di un amore che si cela dietro il chieder niente in cambio, nella ribellione di una gioventù moderna che non riesce a trovare una propria identità, fino all’ironia del rapporto che unisce carnalmente un uomo a una donna, c’è l’essenza della poesia di questo artista e dei suoi musicisti. Questo idillio di note colorate di vita lo si può ascoltare nei pezzi che dal vivo rendono la propria anima agli ascoltatori senza condizioni. Lo spettacolo inizia con “Nella notte che verrà”, tratto dall’album “Senza smettere di far rumore” e prosegue con molte canzoni tratte invece dell’ultimo album “Una cura per il freddo”, come “Bonvojage”,  “Una parola illumina”, la travolgente “Ammami” e la dolcissima e intensa “Ordine e gioia”. Zibba sa scrivere testi con la penna intinta in inchiostro di nubi colme di pioggia e stelle appena nate. Le emozioni nel suo concerto si susseguono senza tregua come con la struggente interpretazione di “Anche se oggi piove” e nella ritmica di “Tutto è casa mia”. Quando le note sembrano accompagnare al termine di questo piccolo teatro della poesia si sentono brividi nell’aria con “Nelle sere di inverno”, “L’odore dei treni”, poi voglia di gridare e ballare con “Mahllamore” e “Margherita”, energica e vitale come sempre. Ma c’è una canzone che è sempre capace di portar fuori una lacrima impressa nei ricordi e nascosta tra i tasti bianchi e neri del pianoforte ed è “In una notte con solo due stelle”, forse la canzone che ogni cantautore vorrebbe scrivere. Ma come dicevo, ci sono cantautori e cantautori e Zibba in questo ha una marcia in più e sono proprio le sue note a descriverlo. Un concerto forse breve, ma ricco di sensazioni che è impossibile dimenticare. Bravissimo come sempre.

Pubblicato su causaedeffetto.it