Appunti dal Salone del Libro di Torino

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Articoli

Un giorno al Salone del libro di Torino è come immergersi in un mondo parallelo, in cui le parole sono protagoniste e in cui il mondo stesso si nasconde. C’è un qualcosa di magico nel vedere quanta gente abbia qualcosa da dire, da raccontare, da spiegare. C’è qualcosa di davvero importante in questo tripudio di parole. Eppure qualcosa stride, stona, infastidisce. Molte conferenze sono messe in scena per pubblicizzare artisti da televisione che tante volte non hanno peso letterario ma mediatico. Mi chiedo se questo sia corretto nei confronti di autori che sputano sangue per mettere nero su bianco le loro storie. C’è un qualcosa di ingiusto nel vedere messe in secondo piano le piccole produzioni rispetto ai grandi colossi della letteratura e della comunicazione in genere. Ho ascoltato alcune considerazioni di Mauro Corona e questo mi ha fatto riflettere, forse ha ragione quando dice che le sale più importanti sono occupate da divi dello spettacolo e che questo denota una parabola discendente degli scrittori veri. Potrebbe anche essere letta come provocazione, certo, ma la verità è che questa sensazione l’ho avuta anche io girando per gli stand del salone. Una novità che ho molto apprezzato è stata la presenza di stand musicali come quelli di Scavino e Merula e della piccola sala concerti nella quale ho potuto ascoltare Andrea Mirò. Eccelsa. Dal punto di vista dei visitatori ho avuto la sensazione che ci fosse meno gente (dato riferito a sabato pomeriggio) ma è possibile dipenda dalla maggior distribuzione della gente tenuto conto dell’utilizzo dell’Oval del Lingotto oltre ai 3 classici padiglioni. In generale si tratta di una manifestazione importante per Torino e per l’editoria in generale. Molte le novità letterarie presentate, dal Fantasy alla narrativa di viaggio, tante le presentazioni e le conferenze a dimostrare fermento e voglia di scrivere e leggere.

P.s. Un ultimo appunto per Travaglio..seppur non è un politico la propaganda a urne ancora aperte non è corretta. Se ha qualcosa da dire potrebbe limitarsi a parlare del suo libro.
Pubblicato su causaedeffetto.it

La manifestazione del silenzio

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Articoli

Silenzio. Questo è stato ciò che pensato durante la manifestazione generale indetta dalla Cgil a favore del lavoro e contro l’operato del governo che ho seguito a Torino. Forse è accaduto per la concomitanza del raduno degli Alpini, ma ricordo le manifestazioni del ’94 ed erano qualcosa diverso, c’era rabbia, voglia di urlare, di dimostrare. E invece oggi è tutto diverso, regna la rassegnazione e la consapevolezza che infondo nulla si possa davvero cambiare. Troppa politica in queste manifestazioni, troppe correnti politiche che spingono per tornare ai vertici. Ma sarebbe poi la cosa giusta? La verità è che chi vuole manifestare è consapevole che non servirà e tanto vale per rendere inutile farlo. L’azione del governo ha fatto in modo di separare i tre grandi sindacati italiani, creando rapporti più diretti con le imprese che possono in tal modo fare quello che ritengono più opportuno. La Cgil non è stata d’accordo con questa metodologia, bene, forse. Un solo sindacato non può combattere un regime come quello presente in italia. Lo sciopero è partecipazione, creazione di disfunzioni. Lo sciopero è fermare il paese. Ma l’amara verità è che ieri non si è fermato nulla, anzi, tutto è scivolato via come sempre. Nulla è cambiato. Nulla cambierà. La scuola, il lavoro e tutto il resto sono qualcosa che non sappiamo difendere. Un lavoratore ricattabile è impotente, solo di fronte alla propria sofferenza e alla morte dei proprio sogni. Questo non è vivere, è sopravvivere. L’azione di governo vuole questo, ma non solo di questo governo ma della politica intera, di una classe politica intenta ai propri interessi e alla propria volontà di “arrivare”. Noi tutti siamo soltanto voti utili quando serve, rompiballe negli altri momenti. Il silenzio della manifestazione mi ha fatto male dentro. Davvero. C’è bisogno di rialzarsi, di credere che sia possibile tornare a vivere davvero. Per farlo bisogna tornare a urlare contro l’arroganza, la presunzione e la demagogia. Ieri non ho sentito tutto questo, ho sentito solo rassegnazione silenziosa.

Pubblicato su causaedeffetto.it

Nel cuore di ogni guerra

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Articoli

Le rivolte di questi giorni del popolo della Tunisia e dell’Egitto per la libertà sono lo specchio di un tempo che cambia. Il mondo forse sta davvero crescendo e la voglia di urlare è esplosa come all’improvviso. Anche il popolo dell’Iran ha provato a manifestare per la propria libertà, continuando a subire la tirannia di una dittatura troppo radicata per poter spesso essere soltanto vista. Le radici dell’odio sono sempre profonde e difficilmente sono spiegabili in poche parole, ma il senso delle cose è da ricercare nelle parole salvate da un libro che brucia. Così anche i popoli ai quali la parola è stata per tanto tempo negata ora voglio parlare; ed è giusto che lo facciano. Se la certezza di Bush era quella di esportare la democrazia con i proiettili, Obama riesce a parlare a queste persone, provocando un vero e proprio terremoto politico nelle dittature medio-orientali. Forse il Nobel per la Pace inizia davvero a essere guadagnato. Si sente un’aria nuova e le vecchie paure sembrano di incanto svanire. Nel cuore di ogni guerra c’è la voglia di vivere ed è quella che respirano gli immigrati che sbarcano a Lampedusa. Sono le stesse persone delle quali spesso abbiamo paura. Potremmo essere noi quegli occhi persi in mezzo al mare, potremmo essere noi a dover piangere per non morire. Coprirci con una coperta troppo corta come una bandiera potrebbe non avere un senso. Nasconderci dietro un patriottismo inesistente non ci salverà dal fare i conti con il mondo che cambia e nemmeno farci scudo dei nostri colori di sempre, il rosso, il verde e il nero. C’è una luce che vuole tornare a illuminare la nostra mente: si chiama cultura. Non annientiamola per rincorrere il sogno artefatto delle tette e dei culi che i tiranni mediatici vogliono ancora venderci accarezzandoci dolcemente. Un vecchio detto racconta: “quando il diavolo ti accarezza..vuole l’anima”.

La legge non è uguale per tutti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Articoli

Uno dei principi della nostra Costituzione è fortemente a rischio. “La legge è uguale per tutti”. Sappiamo tutti di cosa stiamo parlando. I tentativi di rendere legittimo tutto ciò che di legittimo non ha alcunchè è ormai in atto. C’è chi chiede l’intervento della commissione europea per ristabilire la giustizia e a richiederla sono proprio quelli che cercano di trasformarla in un lascia passare per ricchi e potenti. La riforma della magistratura per renderla impotente è un rischio terrificante. Perchè mai la gente riesce a pensare che un ex-industriale possa avere a cuore gli interessi della gente comune? Forse nessun politico potrebbe farlo, questo è vero. Ma dubito fortemente che un attentatore della costituzione possa far di più. E’ in corso una manifestazione per la difesa di Berlusconi, urlano “Silvio resisti”. Il premier urla al Golpe. Secondo il suo “autorevole” parere i media internazionali (Times) che parlano male di lui sarebbero istigati a farlo dai comunisti italiani. La contraparte politica (quel che resta della sinistra) sonnecchia e ogni tanto “urla” stancamente un “dimissioni subito, ma non voto ora, ci vuole un governo di responsabilità” (solo perchè sanno che perderebbero le elezioni senza nemmeno passare dal via).

La verità è che questa gente ci costa e ci fa fare orribili figure nel mondo. Non fa che fomentare un’immagine che ci vede caciaroni, incapaci, mafiosi etc etc..Poi, c’è questa protesta in atto, sempre dalla “sinistra”, sulla dignità della donna. Parliamone. Penso che le donne nel tempo abbiano conseguito tanti risultati e giustamente. Una parte di essere preferisce ancora essere una bambola dei potenti: è un dato di fatto. Ma per fortuna queste sono la minoranza, ma esistono. La dignità la si dimostra tutti i giorni e non credo che una donna debba urlare il diritto di avere dignità quando ogni giorno lavora, accudisce i figli. Dovrebbero essere messe al bando le donne che si vendono, oltre ovviamente agli uomini che comprano. Posterò un manifesto di una discoteca nel livornese che spiegerà meglio quello che sto dicendo. Non penso Berlusconi abbia ragione, sia ben inteso, ma credo che alcune di queste donnette lo abbiano usato per i loro scopi e per le sue debolezze. Questo forse mi fa inorridire ancor più delle le azioni scellerate del Premier. Il successo che queste donne cercano è da ottenere a ogni costo, non solo vendendo il corpo ma forse pure l’anima.
La politica e lo spettacolo sono spesso stati crocevia di scambi più o meno a base sessuale, ma c’è un limite? Se poi questo sfocia in indagini e qualcuno mette nero su bianco che certe cose sono illegali è lecito che si cerchi di cambiare le leggi? La legge a quanto pare non è uguale per tutti.

Il sangue bianco e nero

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Articoli

In questi giorni mi è capitato di soffermarmi a pensare alle varie vicissitudini politiche interne al nostro paese e a quelle internazionali. Il quadro non è buono. Se nel nostro paese siamo scossi per questioni pseudo-morali come le presunte feste di Berlusconi, dimenticando questioni più importanti come Mafia e Camorra, nel mondo è in atto una serie di proteste che fanno pensare. Le due cose sono collegate? Non lo so, forse. Credo che la politica italiana e più in generale quella europea siano legate a un equilibrio internazionale. Il governo italiano è tenuto in piedi dalle componenti del Pdl e della Lega. Di quest’ultima conosciamo il punto di vista sulla questione internazionale e nazionale. Il puntare su un federalismo comunale prevede una logica volta più al frazionamento che non alla coesione di più realtà, ma basta guardare le strade delle nostre città per accorgerci che ci sono nuovi sviluppi e nuove culture che sono entrate a far parte del tessuto urbano e culturale italiano. Non accettarlo sarebbe da non vedenti. Eppure non mancano i tentativi di allontanare questa integrazione marchiando chi è diverso con un colore diverso. E’ un problema che abbiamo già conosciuto. Nel resto del mondo i paesi come Cina, India e tutto il comparto di origine islamica cercano di emergere con le buone o con le cattive maniere. L’egitto è al confine di una guerra civile per la propria libertà, eppure molti politici nostrani non vedessero alcun tipo di problema dittatoriale in quei posti, anzi, per molti di noi l’Egitto è solo una meta turistica. Dimentichiamo che le nostre religioni sono nate in quei posti, che preghiamo personaggi vissuti in quei luoghi. Buona parte dei nostri politici strizza l’occhio a una politica di tipo cattolico. Tutto sembra slegato, ma non lo è. Qual è la natura cattolica se non quella dell’accettare chi è diverso da noi? Il termine “Parlamentare” non dovrebbe indurre a farci pensare a qualcosa simile al “discutere”? La verità è che l’estremismo è ancora alla base della nostra politica, il trincerarsi dietro maschere di finto perbenismo ci porta a vedere gli altri come un problema, a vedere il diverso come il problema. In tutto questo molti paesi mondiali si stanno armando, sono pronto e preparati da anni a una guerra che va ben oltre la nostra immaginazione. Che va ben oltre quello che noi stessi sappiamo delle guerre del passato. Siamo di fronte a un pericolo imminente. L’informazione è un campo nel quale si fanno milioni di vittime e la prima di queste è la libertà di espressione. Le compagini prevedono schieramenti ben precisi, chi è fuori rischia il silenzio. Spesso il sangue non ha colore rosso, ma bianco e nero, quello delle pagine dei giornali, dei siti. La televisione è ormai solo l’oscuro presagio di qualcosa che non funziona come dovrebbe, forse proprio nei nostri occhi si nasconde quella parte marcia, che ci fa sembrare importante quello che in realtà non lo è. Se la censura fossimo noi stessi? Le nostre paure? Come potremmo rendercene conto senza ulteriore spargimento di sangue bianco o nero che sia?

L’antica macchina del fango

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Articoli

La macchina del fango produce opere di screditamento dei personaggi politici di turno; si tratta di un meccanismo infermale utilizzato una volta da una parte, una volta dall’altra. Il risultato è “un’infezione” dell’informazione mediatica e su carta stampata. Non ci sono parti buone e parti cattive in questo sistema, semplicemente ognuna di essere utilizza le armi di cui è a disposizione. Si va quindi dai giornali, ai siti web, alle televisioni sino ai cartelloni pubblicitari. Ciò che questo “ingegnoso” sistema va a toccare è la morale pubblica. Cerca di minare il pensiero dell’uomo comune facendo vedere in cattiva luce il personaggio che si intende infangare. Non esiste verità in questo, ma omissione. L’informazione viene manipolata con destrezza e tenuta in caldo per quando diventa necessaria. Spesso queste opere sono in grado di monopolizzare l’attenzione dei media per mesi e anni, tante volte sono in grado di soverchiare dittature, governi, di placare o creare vere e proprie guerre. Questo discorso può essere visto come una evoluzione di quello che era l’antico (se lo è davvero) spionaggio. La macchina occulta costruisce un mondo a suo volere ed è in grado di modificarlo semplicemente riprogrammando i pensieri del popolo e tenendolo allo scuro dalle alcune informazioni. Una complessa evoluzione può essere costruita distogliendo l’attenzione da un accadimento per puntarlo su un altro creato ad hoc. Mossa molto importante laddove è necessario “far calmare le acque” prima di sistemare definitivamente i problemi. Questa è una semplice spiegazione molto rudimentale di ciò che è in atto in particolar modo nel nostro paese e in maniera diversa (ma torneremo su questo argomento) nel resto del mondo. Per ora era mia intenzione dire quello che a molti sembrerà banale, ma ad altro lo parrà meno. Il nostro pensiero è sotto controllo.