Pensieri

Il silenzio e il fuoco

Ho socchiuso la porta per non sentire ancora rumore. Avevo bisogno di guardarmi dentro e capire cosa era rimasto di tutti quei sogni, quelle speranze. Quelle illusioni. Mi sono fermato davanti a una mia immagine riflessa nello specchio e mi sono visto diverso, spento. Quando mi guardo intorno vedo e sento la resa incondizionata di una generazione. Quando guardo dentro i miei occhi la sento crescere, inarrestabile. Se ripenso al passato, so di aver lottato contro tutto, tutti e soprattutto contro me stesso, perché nulla avesse la meglio sulla volontà di resistere. Bella parola “resistere”, ma resistere a cosa. A chi? Ci sono giorni in cui tutto sembra impossibile e altri in cui è impossibile. Il dovere di chi scrive è continuare ad alimentare la fiamma, soprattutto quando intorno inizia a soffiare un vento di tempesta e il cielo diventa improvvisamente scuro. Questo è il messaggio che stanotte mi va di comunicare: fino all’ultimo respiro.

Quando mi sentirai in silenzio, non temere. Sarò lontano a cercare ancora legna da ardere, perché quel fuoco non si spenga mai.

Foto candela: Simona Vacchieri

Un pensiero su “Il silenzio e il fuoco

  1. Ci sarebbero tante cose da poter dire..
    La parola “resistere” a tante di quelle sfaccettature!
    Sei sicuro che la tua fiamma sia ancora accesa? Secondo me poteva esser già diventata un bel fuoco ardente!
    Ti mando un abbraccio.
    Lory

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.